Pensione anticipata a 54 e 57 anni: non è un’utopia

Quali sono le possibilità di accedere ad un pensionamento anticipato per chi ha iniziato a lavorare molto presto ed ha un buon numero di anni di contributi?

Pensione anticipata a 54 e 57 anni: non è un'utopia

Per i lavoratori che hanno iniziato a lavorare in giovanissima età e che, quindi, hanno accumulato un buon numero di anni di contributi accedere alla pensione prima dei 60 anni non è così complicato.

In questo articolo risponderemo alle domande che ci hanno posto diversi lettori di Money.it sulla possibilità di accesso alla pensione anticipata.

Pensione a 54 e 57 anni

  • “Buona sera, a settembre compio 57 anni e ho iniziato a lavorare a 15 anni sono invalido al 70% volevo sapere quando dovrei andare in pensione grazie”

Se ha iniziato a lavorare a 15 anni e lo ha fatto ininterrottamente, dovrebbe aver maturato, ormai, circa 42 anni di contributi.

Purtroppo l’invalidità al 70% non comporta alcuna agevolazione a livello previdenziale ma, in ogni caso, potrà accedere alla pensione anticipata prevista dalla Legge Fornero non appena raggiungerà i 42 anni e 10 mesi di contributi versati attendendo, poi, i 3 mesi di finestra per la decorrenza del trattamento.

  • “Gentili Signori buonasera. Leggo della possibile riforma delle pensioni dove quota 41 non sarà accettata, ma al contrario si andrà in pensione a 62/63 anni.La mia età è di 57 anni e a fine 2020 avrò maturato 41 anni di contribuzione. Secondo voi quando andrò in pensione? A 62 anni!!?? La legge Fornero che fine farà?”

Le ipotesi che attualmente stanno circolando sulla riforma pensioni 2022 sono, appunto, soltanto ipotesi. In ogni caso qualsiasi sia la misura che verrà introdotta per andare a sostituire la quota 100 (in scadenza il 31 dicembre 2021) non porterà alcuna modifica alla Legge Fornero. Pensione di vecchiaia a 67 anni e pensione anticipata con 42 anni e 10 mesi di contributi (per le donne un anno in meno) resteranno comunque in vigore.

Nel suo caso, quindi, avendo a fine 2020 maturato 41 anni di contribuzione le alternative di quiescenza sono due: o la quota 41 (se rientra in uno dei profili di tutela per disoccupati, invalidi, caregiver, gravosi o usuranti) o con la pensione anticipata ordinaria prevista dalla Legge Fornero al raggiungimento dei 42 anni e 10 mesi di contributi.

  • “Salve, volevo sapere se con 40 anni di contributi con una Eta di 54 anni avendo iniziato a lavorare a 14 anni in regola quando accedo alla pensione? Grazie”

Potrebbe rientrare nella quota 41, visto che è un lavoratore precoce, ed accedere al raggiungimento dei 41 anni di contributi ma solo se rientra in uno dei profili tutelati, ovvero disoccupati, caregiver, invalidi, usuranti e gravosi.

Se non rientra nei profili che le permettono un pensionamento con 41 anni di contributi dovrà attendere di averne versati almeno 42 anni e 10 mesi. Si potrà, quindi, pensionare al massimo fra 3 anni.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories