Pensione a 67 anni, non sempre 20 anni di contributi bastano

Domanda di pensione presentata a 67 anni con 20 anni di contributi respinta. Quale può essere la motivazione?

Pensione a 67 anni, non sempre 20 anni di contributi bastano

Nella generalità dei casi la pensione di vecchiaia si raggiunge al compimento dei 67 anni se si è in possesso di almeno 20 anni di contributi. In alcuni casi è previsto il pensionamento anche con 15 anni di contributi. Ma attenzione, se la pensione è interamente contributiva i 20 anni di contributi potrebbero non bastare.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno, la mia domanda e io ho 20 anni di contributi e più di 67 anni di età, perché l’ INPS mi comunica che la mia domanda di pensione a stata respinta, per il seguente motivo: L’importo della sua ipotetica pensione pari ad oggi a 287,47 euro non supera l’importo soglia di 1,5 volte assegno sociale (come previsto dalla legge 214/2012 per gli iscritti dal 1/1/1996)

Pensione di vecchiaia 67 anni

I 20 anni di contributi sono un requisito necessario per accedere alla pensione di vecchiaia. Ma per chi accede con il sistema contributivo puro, non è detto che bastino. Cerchiamo di capire perché.

Per chi ha iniziato a versare i propri contributi solo a partire dal 1 gennaio 1996 il calcolo pensionistico applicato sull’assegno spettante è quello contributivo puro.

In questo caso oltre all’età ed ai contributi è richiesto un terzo requisito per accedere alla pensione di vecchiaia: che l’importo dell’assegno previdenziale spettante sia pari o superiore a 1,5 volte l’assegno sociale INPS (per il 2020 l’importo dell’assegno sociale è di circa 459 euro mensili e questo, quindi comporta che la pensione debba superare i 688 euro per essere liquidata la pensione a 67 anni).

Nel suo caso l’INPS fa proprio presente che l’importo derivante dai suoi contributi non soddisfa tale requisito e proprio per questo motivo la domanda di pensione è stata respinta.

Quale alternativa rimane? Per chi ricade interamente nel sistema contributivo, in ogni caso, vi è la possibilità di accedere alla pensione di vecchiaia, indipendentemente dall’importo dell’assegno spettante, al compimento dei 71 anni grazie alla pensione di vecchiaia contributiva.

Dovrà, quindi, attendere il compimento dei 71 anni per poter ricevere la sua pensione.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti:

Pensione

Iscriviti alla newsletter

Money Stories