Pensione a 62 anni con 25 anni di contributi, ecco quando è possibile

Lorenzo Rubini

25 Luglio 2021 - 19:23

condividi

E’ possibile per un lavoratore invalido andare in pensione prima? Dipende dalla percentuale di invalidità e dal settore in cui lavora.

Pensione a 62 anni con 25 anni di contributi, ecco quando è possibile

Per i lavoratori invalidi, ma solo del settore privato, la normativa pensionistica prevede la possibilità di anticipare la pensione di vecchiaia di 6 anni per gli uomini e di 11 anni per le donne. In entrambi i casi è richiesta una finestra di attesa di 12 mesi dal raggiungimento del requisito anagrafico e contributivo.

Cerchiamo di capire il funzionamento della misura rispondendo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Carissimi buon giorno. Mi chiamo V., sono invalido al 100%. Dopo aver chiesto, domandando nessuno che sia una risposta ben precisa. Praticamente ho iniziato a lavorare nel 1980, non sempre continuativo. Ma comunque con un piccolo bottino di circa 25 anni di contributi, mi ritrovo con 61 anni di età e invalidità, l ultimo lavoro e stato nel 2012. Di cosa posso beneficiare? Potrei anticipare la pensione? Vi ringrazio anticipatamente. ”

Pensione a 62 anni

I lavoratori che hanno una invalidità certificata pari o superiore all’80% possono beneficiare della pensione di vecchiaia anticipata che richiede, come la pensione di vecchiaia ordinaria, almeno 20 anni di contributi ed un’età di:

  • 56 anni per le donne
  • 61 anni per gli uomini.

Per la decorrenza del trattamento previdenziale è richiesto di rispettare una finestra di attesa di 12 mesi dal raggiungimento sia del requisito anagrafico che di quello contributivo.

Ribadisco che la misura è accessibile solo ai lavoratori dipendenti del settore privato e ne sono, quindi, esclusi i lavoratori dipendenti del pubblico impiego ma anche i lavoratori autonomi.

Nel suo caso, avendo compiuto i 61 anni e avendo maturato circa 25 anni di contributi, se questi ultimi sono stati versati nel settore privato, deve attendere solo la finestra di 12 mesi per avere diritto al trattamento.

Le ricordo che è necessario sottoporsi nuovamente alla trafila burocratica della visita presso commissione medica INPS che dovrà certificarla l’invalidità pensionabile visto che il solo riconoscimento dell’invalidità civile non basta per avere diritto al trattamento previdenziale in questione. Le consiglio, pertanto, di svolgere tutto l’iter burocratico nel corso dei 12 mesi di attesa per avere, così liquidazione della pensione non appena compie i 62 anni.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti a Money.it