Pensione a 52, 57 e 58 anni, quali prospettive di quiescenza?

Quali sono le possibilità di pensionamento, nel prossimo futuro, per chi oggi ha versato un buon numero di anni di contributi?

Pensione a 52, 57 e 58 anni, quali prospettive di quiescenza?

Per chi è riuscito ad accumulare un buon numero di anni di contributi la pensione anticipata diventa una prospettiva attuabile anche ad un età molto giovane. Vediamo quali sono le possibilità di quiescenza per chi ha iniziato a lavorare in giovane età.

In questo articolo cercheremo di rispondere ad una serie di domande che ci hanno posto diversi lettori di Money.it.

Pensione a 52, 57 e 58 anni

  • “ Buongiorno ho 33 anni di contributi e 52 anni di età ma. Purtroppo non ho per qualche mese il precoce. Andrò in pensione con i 42 anni e 10 mesi o devo attendere i 67 anni visto le cose come stanno andando in Italia? Inoltre andrò con il misto retributivo e contributivo? Grazie”

Partiamo dal presupposto che ancora non si saprà quale misura verrà introdotta per sostituire la quota 100 in scadenza il 31 dicembre 2021. In ogni caso, fino ad ora, non si è mai parlato di una eventuale soppressione delle misure previdenziali previste dalla Legge Fornero. A riprova di questo c’è anche il fatto che i requisiti di accesso alla pensione anticipata sono bloccati a 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini (per le donne un anno in meno) fino al 31 dicembre 2026.

Proprio per questo motivo ritengo, a meno che nel frattempo non intervenga una riforma previdenziale più ampia, che potrà accedere al pensionamento quando maturerà i 42 anni e 10 mesi di contributi.

  • “Buongiorno, lavoro in azienda privata, ho 33 anni di servizio militare compreso e 57 anni di età. La domanda è: posso andare in pensione tra 5 anni raggiungendo i 38 di servizio e 62 anni di età? Oppure dovrò aspettare che compaia la morte per una pensione che non arriverà mai?”

In pensione con 38 anni di contributi e con 62 anni di età si può accedere grazie alla quota 100 che, purtroppo, è in scadenza al 31 dicembre 2021. Dopo tale data, dovrebbe essere introdotta una nuova misura che permetta la flessibilità in uscita anche se, al momento, non so dirle quale sarà.

In ogni caso l’alternativa può essere sempre rappresentata dalla pensione anticipata al raggiungimento dei 42 anni e 10 mesi di contributi se è uomo, 41 anni e 10 mesi di contributi se è donna.

  • “ Buongiorno, volevo chiedere riguardo per la mia pensione, ho 35 anni di contributi e a febbraio 2021 compio 58 anni. Con opzione donna quando posso andare in pensione? Grazie”

Se anche ci sarà una proroga dell’opzione donna nella prossima legge di Bilancio, si vocifera che la stessa permetterà il pensionamento soltanto a coloro che avranno raggiunto età e contributi richiesti entro il 31 dicembre 2020.

Nel suo caso, raggiungendo i 58 anni nel 2021, l’accesso non sarebbe consentito.

  • “Buongiorno, sono una dipendente del settore privato con 52 anni di età e 33 anni di contributi. Quanti anni dovrò ancora lavorare per accedere alla pensione anticipata? Grazie per la risposta che vorrete darmi”

Per le donne la pensione anticipata si raggiunge alla maturazione dei 41 anni e 10 mesi di contributi. Pertanto, nel suo caso, le mancano ancora 9 anni per poter accedere al pensionamento.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories