Pensionamento d’ufficio a 65 anni: scatta solo in alcuni casi

Lorenzo Rubini

28 Dicembre 2020 - 12:56

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per i dipendenti delle pubbliche amministrazioni scatta il pensionamento d’ufficio a 65 anni solo in presenza di determinati requisiti contributivi.

Pensionamento d'ufficio a 65 anni: scatta solo in alcuni casi

I dipendenti della pubblica amministrazione al compimento dei 65 anni devono essere collocati a riposo d’ufficio dall’ente da cui dipendono se hanno raggiunto un diritto alla pensione.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Gentile Redazione,
approfitto della Vostra gentilezza porgendovi il seguente quesito:
Un funzionario della Pubblica Amministrazione – Enti Locali – nell’anno 2021 compie i 65 anni, non ha ancora maturati i 42 anni e 10 mesi di anzianità contributiva, ma ha maturato oltre 20 anni di contributi. È vero che costui al compimento del 65° compleanno deve essere collocato in congedo d’ufficio, visto che ha comunque maturato un qualsiasi tipo di pensione?”

Pensionamento d’ufficio a 65 anni

Il pensionamento d’ufficio al compimento dei 65 anni, come lei stesso sottolinea, scatta soltanto quando il dipendente, al compimento di detta età, ha raggiunto un qualsiasi diritto alla pensione (pensione di vecchiaia o pensione anticipata previste dalla Riforma Fornero).

Un dipendente che quando compie i 65 anni abbia maturato almeno 20 anni di contributi non è collocabile a riposo d’ufficio poiché il diritto alla pensione di vecchiaia ancora non è stato raggiunto, visto che serve anche il compimento dei 67 anni di età per potervi accedere.

A 65 anni, quindi, vengono collocati a riposo d’ufficio soltanto quei dipendenti che, avendo raggiunto i 42 anni e 10 mesi di contributi se uomini e 41 anni e 10 mesi di contributi se donne, possono accedere alla pensione anticipata.

Il collocamento a riposo d’ufficio, infatti, non può intervenire se il dipendente al compimento dei 65 anni non può accedere alla pensione visto che con la cessazione del lavoro non si può lasciare il lavoratore senza stipendio e senza pensione.

Il dipendente, quindi, che non ha raggiunto il diritto alla pensione anticipata dovrà restare in servizio, senza bisogno di presentare alcuna domanda perché ciò avvenga, fino al raggiungimento dei 67 anni quando potrà accedere alla pensione di vecchiaia.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories