Pensionamento d’ufficio a 65 anni PA: è possibile senza pensione anticipata?

Lorenzo Rubini

19 Gennaio 2021 - 15:22

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per i dipendenti della pubblica amministrazione può scattare, se in possesso di determinati requisiti, il collocamento a riposo d’ufficio.

Pensionamento d'ufficio a 65 anni PA: è possibile senza pensione anticipata?

Nel pubblico impiego esiste l’istituto del collocamento a riposto d’ufficio che scatta, al compimento di una determinata età, solo per i dipendenti che hanno raggiunto il diritto alla pensione.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buonasera sono un dip. statale, vorrei sapere se una volta raggiunti i 65 anni di età e non si posseggono ancora i 42 e 10 (che poi diventeranno 43 e 01), si potrà andare comunque in pensione? Grazie per la cortese attenzione. Aspetto una vostra risposta buon lavoro, seguo sempre le vostre notizie.”

Pensione a 65 anni dipendenti statali

Il collocamento a riposo d’ufficio per i dipendenti della pubblica amministrazione scatta obbligatoriamente in due casi:

  • al compimento dei 67 anni nei confronti dei dipendenti che hanno maturato almeno 20 anni di contributi necessari per accedere alla pensione di vecchiaia
  • al compimento dei 65 anni nei confronti dei dipendenti che hanno maturato i contributi necessari per accedere alla pensione anticipata (41 anni e 10 mesi per le donne e un anno in più per gli uomini).

In questi due casi, infatti, è obbligatorio per l’amministrazione porre in pensione i suoi dipendenti, non potendo permettere il trattenimento in servizio oltre l’età limite.

Esiste anche un pensionamento d’ufficio facoltativo che l’amministrazione può esercitare nei confronti del dipendente che al compimento dei 62 anni ha raggiunto i contributi per accedere alla pensione anticipata, ma in questo caso l’ente deve fornire una valida motivazione per il recesso unilaterale del contratto di lavoro e fornire al dipendente 6 mesi di preavviso.

Nel suo caso, quindi, se al compimento dei 65 anni non sono stati raggiunti i 42 anni e 10 mesi di contributi il pensionamento d’ufficio non spetta ma può presentare, in ogni caso, domanda di pensionamento con quota 100, se ha maturato almeno 38 anni di contributi.

Se, infine, non possiede neanche il requisito contributivo per accedere alla quota 100 dovrà attendere, per la pensione, il compimento dei 67 anni a patto che abbia versato almeno 20 anni di contributi.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories