PIN Agenzia delle Entrate: a cosa serve e come richiederlo

Il Pin dell’Agenzia delle Entrate è lo strumento necessario per accedere a Fisconline e poter effettuare la dichiarazione dei redditi e molto altro. Ecco come richiederlo e quali sono gli utilizzi.

Cos’è il PIN dell’Agenzia delle Entrate? A cosa serve questo codice? Domande lecite e alle quali cercheremo di dare una spiegazione chiara di seguito. Grazie a questa guida potrete infatti scoprire come funziona il Pin, quali sono gli utilizzi e come deve essere richiesto.

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei contribuenti un codice PIN per accedere a una serie di servizi online, fruibili - a seconda dei requisiti - attraverso le piattaforme Punto fisco, Fisconline ed Entratel.

L’obiettivo del codice PIN dell’Agenzia dell’Entrate è quello di velocizzare delle procedure che fino a poco tempo fa erano lente e potevano essere portate a termine solo con moduli cartacei e presso gli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate.
Adesso, con il codice PIN, il contribuente (o gli intermediari incaricati) potrà accedere direttamente ai servizi online del sito e sbrigare da sé molte delle pratiche richieste dall’Agenzia.

Vediamo insieme come si deve richiedere, a quali servizi da accesso e per quale ragione è importante averlo. Ecco una guida completa sul PIN dell’Agenzia delle Entrate.

PIN Agenzia delle Entrate: a cosa serve?

Il PIN è un codice identificativo, assolutamente personale, formato da dieci cifre. Questo codice è stato ideato per riuscire a snellire le varie pratiche legate alle dichiarazioni dei redditi e a tutto ciò che riguarda l’Agenzia delle Entrate.

Mediante questo codice unico che viene rilasciato ad ogni richiedente che debba effettuare la dichiarazione dei redditi, difatti si possono svolgere molte pratiche online.
Grazie a questa modalità di operazione è infatti possibile accedere a molti servizi e soprattutto alla dichiarazione dei redditi precompilata.

Ma questo non è l’unico servizio, dal momento che una volta richiesto il codice PIN, il contribuente può accedere dal sito internet dell’Agenzia delle Entrate ai seguenti servizi online:

- invio della dichiarazione dei redditi;
- pagamento imposte, tasse e contributi (attraverso il modello F24);
- registrazione del contratto di affitto;
- scelta della cedolare secca;
- accesso al cassetto fiscale;
- comunicazione delle coordinate del proprio conto corrente per l’accredito dei rimborsi;
- accesso al servizio Civis e ricevere assistenza sulle comunicazioni di irregolarità;
- annullamento dei documenti mandati erroneamente;
- ricezione delle ricevute telematiche della documentazione mandata all’Agenzia;
- consultazione dei dati catastali degli immobili di proprietà.

Nel caso in cui ad accedere ai servizi telematici siano i gestori o gli operatori incaricati da società o enti, bisogna che venga richiesta l’abilitazione, anche questa assolutamente personale, su Fisconline o Entratel, a seconda dei requisiti necessari.

Codice PIN, Agenzia delle Entrate: come richiederlo

Il codice PIN, attraverso il quale è possibile accedere ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, si può richiedere in tre modi: online, per telefono, recandosi agli uffici territoriali.

Vedremo adesso nel dettaglio tutte le 3 possibilità, come svolgere le operazioni e chi chiamare in caso di necessità o di richieste di chiarimenti.
Leggendo tutte le modalità di richiesta si potrà avere un quadro chiaro della situazione e sapere qual è il modo migliore per operare, in base alle proprie esigenze.

Codice PIN, Agenzia delle Entrate: richiesta online

La richiesta online, come è facilmente intuibile, va fatta collegandosi al sito dell’Agenzia delle Entrate.
Cliccando su “Non sei ancora registrato” è possibile richiedere il proprio codice PIN cliccando su: “Richiedi il codice PIN online”.
Dopo aver scelto la tipologia (persone fisiche o società), il sistema manda una scheda attraverso la quale il contribuente dovrà fornire il proprio codice fiscale e alcuni dati personali:

  • il tipo di modello di dichiarazione dei redditi presentato (modello 730, Unico Persone Fisiche, nessuno);
  • come è stato presentato (sostituto d’imposta, intermediario, ufficio postale, ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate);
  • alcune informazioni presenti nella propria dichiarazione dei redditi.

Il sistema telematico, dopo i necessari controlli di congruenza, fornisce immediatamente i primi quattro dei dieci numeri che compongono il codice PIN.
Entro i 15 giorni successivi alla richiesta online, il contribuente riceverà a casa gli altri sei numeri del codice - precisamente al domicilio registrato all’Agenzia delle Entrate - e la password per fare il primo accesso.

Quando a richiedere il codice sono soggetti diversi dalle persone fisiche, l’istanza va inoltrata - sempre online - dal rappresentante legale, già registrato ai servizi telematici.
Nel caso in cui una o più parti della procedura non dovessero andare a buon fine, è sempre possibile rivolgersi al personale di qualsiasi ufficio presente sul territorio nazionale.

Codice PIN, Agenzia delle Entrate: richiesta via telefono

La richiesta può essere fatta anche attraverso il servizio di risposta automatica, telefonando al numero 848.800.444 - al costo della tariffa urbana - e seguendo le indicazioni della voce guida.

I dati identificativi richiesti e le modalità di consegna degli ultimi sei numeri del codice - con relativa password - sono gli stessi di quelli descritti in precedenza, mentre le prime quattro cifre verranno date per telefono, contestualmente alla richiesta, previo controllo dell’Agenzia delle Entrate.

Codice PIN, Agenzia delle Entrate: richiesta all’ufficio territoriale

Continua ad essere attivo il servizio tradizionale. Il contribuente, infatti, può richiedere il codice PIN anche recandosi agli uffici territoriali, munito di un documento di identità e compilando una domanda di abilitazione. Dopo veloci controlli di rito, il personale dell’ufficio rilascia subito i primi quattro numeri. Entro i 15 giorni successivi alla richiesta, arriveranno a domicilio i restanti sei numeri e la password per effettuare il primo accesso all’area riservata del sito.

I cittadini in possesso della CNS (Carta Nazionale dei Servizi), già attivata e collegata al proprio PC, possono registrarsi a Fisconline con una procedura semplificata: non è necessario, infatti, presentare la richiesta perché il sistema - dopo aver fatto i controlli necessari sulla CNS - dà immediatamente il codice PIN completo e la password di accesso.

Il codice PIN: cosa fare quando a richiederlo è un non residente

Anche chi non risiede in Italia può richiedere il proprio codice PIN per accedere ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.
La richiesta può essere fatta online - così come precedentemente descritto - scegliendo l’opzione per i residenti all’estero. La copia della richiesta inoltrata, poi, va mandata - anche tramite fax - al proprio consolato, insieme alla fotocopia di un documento di identità valido.

Il consolato, una volta ricevuta la richiesta, manda a casa una comunicazione dell’Agenzia delle Entrate con la prima parte del codice PIN e la password per effettuare il primo accesso. Le altre sei cifre potranno essere recuperate collegandosi al sito.

I cittadini italiani, momentaneamente non residenti e non iscritti all’anagrafe consolare, dovranno andare al consolato di riferimento di persona per il riconoscimento. Una volta fatti i controlli necessari, verranno rilasciati i primi quattro numeri del codice PIN e la password temporanea. Le altre sei cifre saranno reperibili collegandosi al sito dell’Agenzia.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro"

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Francesca Caiazzo -

STM, tonfo a Piazza Affari: debolezza del settore ed Equita si abbattono sul titolo

STM, tonfo a Piazza Affari: debolezza del settore ed Equita si abbattono sul titolo

Commenta

Condividi

Francesca Caiazzo -

Luxottica-Essilor: ok da Singapore. “Fusione entro maggio”

Luxottica-Essilor: ok da Singapore. “Fusione entro maggio”

Commenta

Condividi

Cristiana Gagliarducci

Cristiana Gagliarducci

ieri

Italia: famiglie a rischio in caso di nuova crisi bancaria

Italia: famiglie a rischio in caso di nuova crisi bancaria

Commenta

Condividi