Obama a Che tempo che fa: “Ricchezza è bene di tutti, bisogna redistribuirla”

Mario D’Angelo

07/02/2021

07/02/2021 - 23:11

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per l’ex presidente USA Barack Obama serve un segnale dai livelli più alti dell’economia per redistribuire la ricchezza: «C’è una sperequazione troppo profonda nella società».

Obama a Che tempo che fa: “Ricchezza è bene di tutti, bisogna redistribuirla”

Serve un messaggio “dal top del settore economico, per redistribuire e reinvestire la ricchezza che è un bene di tutti”. Lo ha detto l’ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, intervistato da Fabio Fazio nella serata di domenica 7 febbraio a Che tempo che fa, su Rai3.

Obama, nella società c’è sperequazione profonda

Tutti vorrebbero una società con stipendi equi, in cui l’istruzione sia per tutti, ci dovrebbe essere un interesse dall’interno”, ha detto Obama in video. L’ex presidente USA, da Fazio, ha fatto un’intervista a tutto tondo, parlando di economia e politica internazionale, ma anche della moglie Michelle Obama e del suo nuovo libro.

Quanto all’economia, il premio Nobel per la pace ha parlato della “sperequazione troppo profonda” che caratterizza la società. “Se proseguirà questo trend la gente penserà che il sistema è corrotto e avrà un desiderio di cambiamento”, ha detto l’ex presidente, che ha detto di credere “che ci possa essere un capitalismo attento e comprensivo”, ma al tempo stesso i governi non devono “avere dei sentimenti di avidità”. In questo alcuni Paesi “hanno fatto meglio di altri”, come i Paesi scandinavi, dove “nessuno si trova tagliato fuori e tutti si sentono parte di una comunità”.

Per Obama impulsi suprematisti anche in Europa

In questo clima di profonde disuguaglianze, ha continuato Obama, “siamo sommersi da informazioni, molte delle quali false e lesive per le nostre democrazie”. “Non abbiamo mai visto come oggi contestare la realtà e non sono solo i social media, che tuttavia hanno acuito questo processo”. Questa, ha aggiunto Obama, è una fase in cui “i demagoghi e i movimenti violenti possono guadagnare terreno”.

In questo senso, l’assalto a Capitol Hill non potrà essere mai cancellato, ha continuato l’ex presidente, “anzi va stampato nella mente di tutti per ricordare che la democrazia non è un dono che viene dal cielo ma un impegno in cui dobbiamo sempre investire”. Obama, infine, ha lanciato un monito all’Europa, perché lo stesso tipo di impulsi di estrema destra, suprematisti e razzisti potrebbero essere visti anche in ogni Paese europeo.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories