OCSE: l’Italia vola a +6,3% nel 2021. Il mondo in ripresa, ma con questi rischi

Violetta Silvestri

1 Dicembre 2021 - 13:38

condividi

Le nuove stime OCSE di dicembre confermano la chiusura del 2021 in volata per il PIL in Italia. Anche il resto del mondo continua a crescere, ma ci sono motivi di preoccupazione.

OCSE: l'Italia vola a +6,3% nel 2021. Il mondo in ripresa, ma con questi rischi

L’OCSE ha rilasciato le stime di dicembre: la ripresa globale è forte, ma squilibrata secondo l’organizzazione.

Il messaggio inviato è stato chiaro: “La produzione nella maggior parte dei paesi OCSE ha ora superato il livello di fine 2019 e sta convergendo sul suo percorso pre-pandemia, ma le economie a basso reddito, in particolare quelle in cui i tassi di vaccinazione sono bassi, rischiano di essere lasciate indietro.”

Per quanto riguarda l’Italia, lo slancio del 2021 porterà il PIL a +6,3%. Quali altre stime per l’economia del Belpaese?

Nuove stime OCSE sull’Italia

Nel capitolo dedicato all’Italia, l’OCSE ha indicato una crescita del PIL del 6,3% nel 2021, del 4,6% nel 2022 e del 2,6% nel 2023.

Questa la visione generale:

“Si prevede che la ripresa trarrà vantaggio da una politica di bilancio favorevole, compresi gli investimenti finanziati tramite i fondi dell’UE e dalla progressiva normalizzazione dell’attività dei servizi. Un graduale aumento dell’occupazione dovrebbe sostenere una crescita costante dei consumi.”

L’OCSE ha insistito sull’importanza della politica fiscale di supporto e gli interventi per compensare gli shosk dei prezzi energetici che sono pesati sugli italiani.

Non solo, la raccomandazione è di:

“...una maggiore crescita nel medio termine per abbassare il debito pubblico. L’attuazione di riforme strutturali per digitalizzare e snellire i sistemi di giustizia civile e fallimentare, aumentare la concorrenza, soprattutto nei servizi, e aumentare l’efficienza della pubblica amministrazione rimane cruciale, insieme alla riforma fiscale per ridurre il cuneo e la complessità dell’imposta sul lavoro.”

Secondo l’organizzazione per l’Italia il deficit primario sarà all’1,8% nel 2023, maggiore delle previsioni di Governo (1,2% del PIL).

Infine, sul fronte prezzi, l’impennata si abbasserà, con asso l’indice armonizzato a +1,8% quest’anno, +2,2% il prossimo e +1,6% nel 2023.

Il mondo cresce ma con squilibrio

L’allerta dell’OCSE sulla ripresa mondiale è sullo squilibrio nel rilancio post-pandemico.

Non c’è soltanto un gap economico e disuguaglianze in vari settori occupazionali. A preoccupare è anche la disomogenea risposta sanitaria, che rende ancora troppi Paesi vulnerabili.

“La nostra principale preoccupazione è la polarità globale dei casi, la capacità ospedaliera e i tassi di vaccinazione in tutto il mondo. Lo scenario più difficile è che le sacche di bassa vaccinazione finiscano come terreno fertile per ceppi più letali del virus, che continuano a danneggiare vite e mezzi di sussistenza.”

Troppa discrepanza tra nazioni nell’assistenza sanitaria e nell’accesso all’istruzione, danneggiato dal Covid, sarà letale nel tempo.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

# PIL
# Italia
# OCSE

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.