NoiPA: lo stipendio di settembre potrebbe arrivare in ritardo

C’è il rischio concreto che per alcuni insegnanti e ATA lo stipendio di settembre arrivi in ritardo. Il problema è legato all’inserimento nel SIDI dei nuovi contratti.

NoiPA: lo stipendio di settembre potrebbe arrivare in ritardo

C’è un problema legato allo stipendio per circa 22mila insegnanti appena assunti a tempo indeterminato e per tutti coloro che dall’inizio di quest’anno scolastico ricoprono una supplenza.

Nel dettaglio - come anticipato da OrizzonteScuola.it c’è il rischio concreto che per questi insegnanti il primo stipendio non arrivi il 21 settembre 2018, come invece da programma per gli altri docenti e per tutti i dipendenti pubblici (visto che questo mese il 23 cade di domenica).

Nelle ultime ore l’Amministrazione ne ha parlato con i sindacati i quali hanno chiesto al Miur di fare in modo che ciò non si verifichi. Il problema riguarda l’inserimento dei nuovi contratti nel sistema SIDI da parte delle scuole che deve avvenire entro il 12 settembre così da permettere a NoiPA di avere il tempo necessario per effettuare le procedure necessarie per il pagamento dello stipendio di questo mese.

I sindacati chiedono l’intervento del Miur

Quindi, per i nuovi contratti - sia quelli per i docenti assunti a tempo indeterminato che per i nuovi supplenti - caricati dopo questa data sul sistema SIDI c’è il rischio di ricevere in ritardo lo stipendio di settembre.

Ecco perché, come comunicato dalla Gilda degli Insegnanti, i sindacati hanno chiesto al Miur di inviare una nota alle singole scuole così da sollecitare le segreterie ad inserire i contratti del personale che ha preso servizio dal 1° settembre entro il 12 di questo mese.

Se questa data non verrà rispettata c’è il rischio concreto che lo stipendio di questo mese possa arrivare in ritardo; insomma, non sarebbe certo il miglior modo possibile per iniziare l’anno scolastico.

Da parte loro i rappresentanti del Ministero dell’Istruzione hanno rassicurato i sindacati confermando loro che al più presto verrà inserito un avviso che comparirà a tutti gli operatori all’accensione del computer, così da ricordare loro la timeline.

Stipendio già visibile su NoiPA

Vedremo quindi se ciò sarà sufficiente per scongiurare un ritardo nel pagamento dello stipendio per coloro che hanno preso servizio dal 1° settembre 2018. A tal proposito ricordiamo che per gli altri insegnanti e ATA già di ruolo lo stipendio di settembre è già visibile su NoiPA e che la retribuzione questo mese verrà pagato il 21 settembre, visto che il 23 (giorno di paga per la maggior parte dei dipendenti pubblici) cade di domenica.

Quindi se per una parte di docenti ( 21.692 quelli assunti su posto comune e 1.639 su sostegno, più i supplenti che hanno preso servizio dal 1° settembre) lo stipendio rischia di arrivare in ritardo, per gli altri arriverà in anticipo rispetto al mese scorso.

Nel dettaglio per visualizzare il cedolino di settembre basta fare accesso al portale NoiPA inserendo username, password e captcha nella pagina dedicata al Login.

Dopodiché basta cliccare sulla voce “contratti scuola a tempo determinato”, una funzione attiva anche per il personale della scuola assunto con contratto a tempo indeterminato.

A questo punto troverete la voce “consultazione ordini di pagamento”; cliccateci sopra per aprire la pagina dedicata alla visualizzazione dello stato degli stipendi e dei relativi importi. Nell’ultimo passaggio dovrete inserire il mese di riferimento dello stipendio che volete consultare così da poter visualizzare l’importo netto che vi verrà accreditato tra qualche settimana.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Stipendio

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.