No mask sabato 10 a Roma, manifestazioni permesse solo in forma statica

I negazionisti del coronavirus tornano a sfilare a Roma dopo l’obbligo di indossare mascherine anche all’aperto

No mask sabato 10 a Roma, manifestazioni permesse solo in forma statica

A Roma tornano i negazionisti. Nel corso della giornata di domani, sabato 10 ottobre, si terrà una nuova manifestazione organizzata da vari movimenti e partiti che, a vario titolo, protestano contro l’uso obbligatorio delle mascherine.

Il Viminale il capo della polizia Franco Gabrielli hanno annunciato il pugno duro contro i “no mask che sfileranno per le vie della Capitale senza mascherine e distanziamento. Se le regole di sicurezza non verranno rispettate, la manifestazione verrà sciolta.

Pugno duro contro i No mask

“Massimo rigore e fermezza”, questa è la linea espressa da Gabrielli in una circolare a prefetti e questori alla vigilia della manifestazione negazionista di sabato 10. Le disposizioni varranno anche per le successive manifestazioni.

Quest’ultime, ha detto Gabrielli, saranno permesse solo in “forma statica” e solo se i partecipanti avranno indosso le mascherine e rispetteranno il distanziamento sociale.

In caso di violazione delle norme anti-COVID, le forze dell’ordine interverranno con multe da 400 euro e non solo: “Chi è senza mascherina va multato, chi insiste anche dopo la contravvenzione deve essere allontanato. È pericoloso, il verbale non basta”.

La manifestazione romana si terrà a San Giovanni, a partire dalle 14. È stata intitolata “marcia della liberazione” (contro la presunta dittatura sanitaria), anche se di “marcia” avrà ben poco, visto l’ordine della polizia di mantenere una forma “statica”.

La riunione ha ricevuto l’endorsement di Enrico Montesano, che però ha già annunciato che non ci sarà. Il comico ha rifiutato l’etichetta di negazionista, salvo affermare che le mascherine sarebbero pericolose perché “ci fanno respirare la nostra anidride carbonica”.

Sostegni sono arrivati anche da Rosita Celentano e Diego Fusaro, opinionista e fondatore del partito Vox Italia. Alle 10, sempre a San Giovanni, ci sarà la destra estrema di Forza Nuova e Gilet arancioni.

Paradosso caschi bianchi: in piazza fra i No mask ci saranno anche una sessantina di vigili urbani del sindacato Ugl. Chi dovrebbe vigilare, insomma, sarà in mezzo ai vigilati. “Con la sicurezza non si scherza, lavoriamo per garantirla”, protestano i colleghi di Cgil, Cisl e Uil.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories