Naspi anticipata e nuova assunzione: si restituisce solo l’anticipo o tutta l’indennità percepita?

Lorenzo Rubini

15 Febbraio 2021 - 14:33

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per chi chiede la Naspi anticipata è necessario fare attenzione ai tempi di nuova eventuale assunzione.

Naspi anticipata e nuova assunzione: si restituisce solo l'anticipo o tutta l'indennità percepita?

Per i titolari di indennità di disoccupazione Naspi esiste la possibilità di chiedere l’anticipo di tutte le mensilità di indennità non ancora fruite se si avvia attività imprenditoriale. La possibilità di accesso è rivolta a coloro che aprono partita Iva, che potenziano attività autonoma già esistente durante il lavoro subordinato che ha portato alla fruizione della Naspi e per coloro che decidono di sottoscrivere quote di società cooperativa. Ma bisogna fare attenzione.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

‘Buongiorno, è un pò di tempo che chiedo una risposta a questa domanda ma vengo palleggiato da un ufficio ad un altro senza ricevere mai delucidazioni.
Sto percependo la Naspi già da 12 mesi circa, ora ho deciso di aprire la partita iva da architetto e vorrei chiedere l’anticipo della parte restante che avrei dovuto continuare a percepire fino a novembre 2021.
La mia domanda è questa: se (ad esempio) a giungo mi venisse offerto un posto di lavoro a contratto subordinato, accettandolo dovrei restituire la parte di Naspi che mi sono fatto anticipare o anche quella percepita nei 12 mesi prima?
Spero di essermi riuscito a spiegare. Devo decidere entro questa settimana, se potete aiutarmi vi ringrazio già da ora.
Saluti’

Naspi anticipata e nuovo lavoro

La decadenza della Naspi anticipa opera qualora il lavoratore instaura un rapporto di lavoro subordinato prima della scadenza del periodo per il quale l’indennità è stata corrisposta in forma anticipata. In sostanza, quindi, se prima della scadenza del periodo di Naspi il lavoratore instaura un nuovo rapporto di lavoro subordinato, con l’esclusione del rapporto di lavoro che può essere frutto della sottoscrizione di quota sociale di cooperativa, è chiamato a restituire la Naspi anticipata ricevuta in un’unica soluzione.

La restituzione, di fatto, riguarda solo l’anticipo e non le quote di indennità fruite mensilmente prima della richiesta dell’anticipo stesso.

Nel suo caso, quindi, se adesso chiedesse Naspi anticipata per apertura Partita IVA e prima di novembre ricevesse proposta di nuova assunzione subordinata dovrebbe restituire solo la parte anticipata (poiché il vincolo riguarda solo l’anticipo potendo interrompere la Naspi mensile in qualsiasi momento si desidera se si trova nuovo lavoro).

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories