Modello 730/2018: detrazione spese acquisto veicoli disabili

Modello 730/2018: anche le spese sostenute nel 2017 per l’acquisto di veicoli destinati ai disabili possono essere detratte nella dichiarazione dei redditi. Ecco come fare.

Modello 730/2018: detrazione spese acquisto veicoli disabili

Modello 730/2018: i contribuenti che nel periodo d’imposta 2017 hanno sostenuto delle spese per l’acquisto di veicoli per persone disabili potranno detrarle nella dichiarazione dei redditi 2018.

Per l’acquisto di veicoli per persone disabili spetta una detrazione Irpef del 19% nel limite massimo di spesa di 18.075,99 euro. Tale detrazione spetta per l’acquisto di un solo veicolo nell’arco di 4 anni.

Inoltre, se il portatore di handicap è fiscalmente a carico di un suo familiare, può beneficiare delle agevolazioni lo stesso familiare che ha sostenuto la spesa nell’interesse del disabile.

Per beneficiare della suddetta detrazione bisognerà inserire le spese sostenute nel 2017 per l’acquisto di veicoli destinati ai disabili nel modello 730/2018. Inoltre si dovranno conservare alcuni documenti che attestino l’effettivo sostenimento della spesa.

Per quali acquisti spetta la detrazione?

La detrazione Irpef del 19% spetta per l’acquisto dei seguenti veicoli:

  • di motoveicoli e autoveicoli anche se prodotti in serie e adattati per le limitazioni delle capacità motorie delle persone con disabilità;
  • di autoveicoli, anche non adattati, per il trasporto dei non vedenti, sordi, soggetti con disabilità psichica o mentale di gravità tale da avere determinato il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento, invalidi con grave limitazione della capacità di deambulazione e dei soggetti affetti da pluriamputazioni.

La stessa detrazione spetta anche per le spese sostenute per le riparazioni - tranne quelle che rientrano nella manutenzione ordinaria - degli adattamenti (compresi i pezzi di ricambio necessari alle stesse) realizzati sulle autovetture delle persone con disabilità.

Le suddette spese, che concorrono insieme al costo di acquisto del veicolo al raggiungimento del limite massimo di spesa (18.075,99 euro), devono essere state sostenute nei quattro anni dall’acquisto del veicolo e non sono rateizzabili.

Inoltre bisogna specificare che la detrazione spetta anche per l’acquisto di veicoli elettrici, sebbene per gli stessi non sia possibile applicare l’aliquota IVA ridotta in quanto la relativa normativa subordina l’agevolazione alla cilindrata del veicolo.

Detrazione acquisto veicoli disabili: istruzioni e limiti di spesa

Come già accennato, per le spese sostenute per l’acquisto di veicoli per persone disabili è prevista la detrazione del 19% nel limiti di spesa di 18.075,99 euro.

In caso di furto del veicolo prima della fine del quadriennio, il contribuente può fruire della detrazione per l’acquisto di un nuovo veicolo; la detrazione però si applica su in importo da calcolare sull’ammontare netto di quanto eventualmente rimborsato dall’assicurazione.

La detrazione Irpef del 19% può essere fruita per intero nel periodo d’imposta in cui il veicolo è stato acquistato o - in alternativa - in quattro quote annuali di pari importo.

Nell’ipotesi in cui si è scelto di ripartire la spesa in quattro rate e il beneficiario muore prima di aver goduto dell’intera detrazione, l’erede tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi del disabile deceduto può detrarre in un’unica soluzione le rate residue.

Per beneficiare della suddetta agevolazioni i contribuenti dovranno inserire le spese sostenute nel Quadro E del modello 730/2018 ed in particolare nel rigo E4.

Documenti da conservare

Per beneficiare della detrazione prevista per l’acquisto di veicoli per persone disabili bisognerà conservare alcuni documenti che attestino l’effettivo sostenimento della spesa.

In particolare in caso di prima o unica rata di acquisto di veicoli adattati tra cui autovetture, autoveicoli per il trasporto promiscuo, autoveicoli specifici, autocaravan, motocarrozzette, motoveicoli per trasporto promiscuo, motoveicoli per trasporti specifici bisognerà conservare i seguenti documenti:

  • fattura relativa all’acquisto intestata alla persona con disabilità o al familiare di cui è carico fiscalmente;
  • copia della patente di guida speciale o copia del foglio rosa “speciale” solo per le persone con disabilità che guidano;
  • copia della carta di circolazione che attesti che il veicolo è destinato a persone disabili;
  • prescrizione della commissione medica locale.

Nel caso di veicoli non adattati invece:

  • fattura relativa all’acquisto intestata alla persona con disabilità o al familiare di cui è a carico fiscalmente;
  • per i non vedenti e sordi certificato che attesti la loro condizione;
  • per i portatori di handicap psichico o mentale verbale di accertamento dell’invalidità;
  • riconoscimento dell’indennità di accompagnamento;
  • per le persone affette da sindrome di Down, certificazione rilasciata dal proprio medico di base e certificazione dell’indennità di accompagnamento;
  • per gli invalidi con grave limitazione della capacità di deambulazione o pluriamputati, verbale di accertamento dell’handicap.

Per ciò che concerne le spese di riparazione dei veicoli acquistati per i disabili bisognerà conservare la seguente documentazione:

  • fattura relativa alla spesa di manutenzione straordinaria;
  • fattura relativa all’acquisto del veicolo per verificare di non avere superato il limite di € 18.075,99 e che non siano trascorsi più di 4 anni dall’acquisto;
  • certificazione dell’handicap come sopra descritta e/o autocertificazione.

Per ulteriori informazioni si allegano di seguito le istruzioni relative al modello 730/2018.

Istruzioni modello 730/2018
Ecco le istruzioni necessarie per la compilazione del modello 730/2018

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Modello 730

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Anna Maria D'Andrea

Anna Maria D’Andrea

1 settimana fa

Modello 730 inviato: come modificare il sostituto d’imposta

Modello 730 inviato: come modificare il sostituto d'imposta

Commenta

Condividi

Anna Maria D'Andrea

Anna Maria D’Andrea

1 settimana fa

Disoccupati, regole e tempi per il rimborso Irpef del 730

Disoccupati, regole e tempi per il rimborso Irpef del 730

Commenta

Condividi

Anna Maria D'Andrea

Anna Maria D’Andrea

2 settimane fa

Rimborso 730 senza sostituto: attesa lunga anche per colf e badanti

Rimborso 730 senza sostituto: attesa lunga anche per colf e badanti

Commenta

Condividi