Miglior conto corrente: la classifica. Quale conviene di più?

Giacomo Astaldi

08/02/2021

08/02/2021 - 11:15

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La classifica del miglior conto corrente, che sia online o tradizionale, più conveniente ed economico per famiglie, giovani e pensionati.

Miglior conto corrente: la classifica. Quale conviene di più?

Miglior conto corrente, la classifica - Un luogo fisico o virtuale dove depositare e conservare soldi e risparmi di una vita e che permetta anche di gestirli in maniera veloce ed efficace è ormai una necessità di tutti. Così come lo è capire quale sia il miglior conto corrente a cui fare riferimento, il più conveniente in termini di costi e che, al contempo, si adatti alle proprie caratteristiche ed esigenze.

Così è chiara l’utilità di una classifica che racchiuda i conti corrente migliori disponibili ad oggi, suddivisa in base alle diverse tipologie di risparmiatore - uno strumento essenziale per scoprire quale sia il conto corrente migliore e più conveniente per ognuno.

Di seguito sono elencate le opzioni migliori in termini di conto corrente - indipendentemente che esso sia aperto presso una banca tradizionale oppure online - ovvero le ultime offerte disponibili e la media dei costi da pagare.

Per chiarezza di informazione, la classifica sul miglior conto corrente si divide in tre categorie:

  • miglior conto corrente per giovani;
  • miglior conto corrente per famiglie;
  • miglior conto corrente per pensionati.

Il panel dei conti correnti analizzati è di 400 ed è monitorato da Altroconsumo per L’Economia del Corriere della Sera. Sono stati presi in considerazione i dieci conti correnti più convenienti e meno costosi - tra le banche più note - per ogni categoria di risparmiatore (giovani, famiglie, imprese). I dati inseriti nella classifica del miglior conto corrente sono aggiornati al 3 febbrario 2021.

Una volta scoperto qual è il conto corrente migliore per le tue esigenze, non ti resterà che scoprire come cambiare banca.

Miglior conto corrente: ultime novità

Rispetto agli anni passati, per il 2021 arrivano cattive notizie per le famiglie: la media dei costi del conto corrente per questa categoria nell’ultimo anno è salita a 136 euro annuo (rispetto ai 111 euro segnalati per il 2019, per un rialzo del 22%). Questo per quanto riguarda i conti correnti tradizionali - sui conti correnti online per le famiglie i costi rimangono stabili a 29 euro l’anno. Si segnala che il profilo-risparmiatore rappresentato dalle famiglie rappresenta la porzione di clientela più estesa in Italia.

I giovani continuano a rappresentare la categoria che più risparmia sui costi del conto corrente, e che ha quindi accesso alle offerte più convenienti: nel 2020 in media un giovane ha speso 26 euro per un conto corrente online e 63 euro per un conto corrente tradizionale. Per i pensionati il costo medio di un conto tradizionale è stato di 127 euro, 31 euro in media invece per un conto online.

Miglior conto corrente: la classifica

Per poter stilare una classifica dei conti correnti migliori occorre stabilire un criterio unico che definisca la convenienza, o meno, di ciascuna delle soluzioni analizzate.

Il criterio di riferimento per valutare la convenienza di un conto corrente fino all’8 gennaio è stato l’ISC, ovvero l’Indicatore Sintetico di Costo annuo. Come recepito dalla direttiva Pad dell’Ue (2014/92) da Banca d’Italia, in sua sostituzione oggi viene preso a riferimento l’ICC, l’Indicatore complessivo dei costi. A differenza dell’ISC, l’ICC tiene conto non solo delle spese per il canone ma anche di quelle per il rilascio di carte di pagamento.


Anche l’ICC viene poi calcolato in base al numero di operazioni nell’anno, che varia seguendo il profilo del risparmiatore, comprensibile in tre categorie:

  • giovani;
  • famiglie;
  • pensionati.

I dati sull’ICC riportati di seguito sono aggiornati a febbraio 2021.

Miglior conto corrente per giovani

Sul fronte tradizionale il miglior conto corrente per giovani in termini di costi si dimostra essere quello offerto da Intesa Sanpaolo (21,90 euro l’anno), seguito dall’offerta di Crédit Agricole (32,45 euro l’anno) e CheBanca!, con 48 euro l’anno. Sul digitale i costi si abbassano notevolmente: il conto più conveniente è quello di N26 (a 0 euro), seguito da Banca Mediolanum (9 euro l’anno) e Hello!Bank, con 11,90 euro l’anno.

Miglior conto corrente tradizionale per giovani

Questa tipologia di conto corrente permette l’utilizzo dello sportello in filiali fisiche della banca nonché l’accesso alle relative piattaforme di home banking.

Nome bancaNome contoICC in €
Intesa Sanpaolo Conto Xme under 35 21,90 euro
Crédit Agricole Conto Easy under 30 32,45 euro
Che Banca! Conto corrente Digital 48 euro
Credito Valtellinese Conto Creval under 30 58,10 euro
Credem Conto Credem Facile under 30 58,55 euro
Bper Banca Offerta on demand under 28 75,05 euro
Banco Bpm Conto You Welcome New under 27 75,89 euro
Bnl Bnp Paribas Conto Bnl X Smart under 90 76,90 euro
Deutsche Bank DB Smart under 27 86,90 euro
Unicredit My Genius 94,25 euro
Media = 63 euro

L’ICC è calcolato sulla base di 164 operazioni.

Miglior conto corrente online per giovani

Questa tipologia di conto corrente permette l’utilizzo delle varie funzionalità esclusivamente online.

Nome bancaNome contoICC in €
N26 Conto standard 0 euro
Banca Mediolanum Conto Mediolanum Young 9 euro*
Hello!Bank Hello! Money 11,90 euro
FinecoBank Conto Fineco 13,24 euro
Ing Conto corrente Arancio 17 euro
Illimity Bank Conto Illimity Smart 30,50 euro
Banca Sella Conto Websella 35,60 euro
IW Bank IW Conto 38,80 euro
WeBank Conto WeBank 39 euro
Widiba Conto Widiba 65 euro
Media = 26 euro


* 5 euro il primo anno.
L’ICC è calcolato sulla base di 164 operazioni.

Miglior conto corrente per famiglie

Si ricorda che, a causa del cambiamento del parametro di riferimento da ISC a ICC, il confronto con gli anni precedenti è relativo.
Spicca nella vetta della classifica di miglior conto corrente per convenienza delle famiglie CheBanca! (72 euro all’anno), MPS (93 euro l’anno) e Banco Bpm (conto «New Welcome Plus») con 99 euro l’anno. Sul fronte del conto online, primo in classifica Iw Bank (3,80 euro all’anno), seguito da Widiba (20 euro all’anno) e Banca Sistema (20 euro l’anno.

Miglior conto corrente tradizionale per famiglie

Questa tipologia di conto corrente permette l’utilizzo dello sportello in filiali fisiche della banca nonché l’accesso alle relative piattaforme di home banking.

Nome bancaNome contoICC
Che Banca! Conto Corrente Digital 72 euro
MPS Conto MPS Mio 92,60 euro
Banco Bpm COnto You Welcome New 98,63 euro
Crédit Agricole Conto Easy 108,19 euro
Credem Conto Credem Facile 119,80 euro
Poste Italiane Conto Bancoposta opzione Start 121,15 euro
Intesa Sanpaolo Conto Xme 159,70 euro
Bper Banca Offerta on demand 166 euro
Bnl Bnp Paribas BNL X Smart 184,05 euro
Unicredit My Genius 240,90 euro
Media = 136 euro

L’ICC è calcolato sulla base di 228 operazioni, operatività media.

Miglior conto corrente online per famiglie

Questa tipologia di conto corrente permette l’utilizzo delle varie funzionalità esclusivamente online.

Nome bancaNome contoICC
IW Bank IW Conto 3,80 euro
Widiba Conto Widiba 20 euro
Banca Sistema Sì Conto! Corrente 20 euro
Webank Conto Webank 24 euro
Ing Conto Corrente Arancio 24 euro
FinecoBank Conto Fineco 24,61 euro
Illimity Bank Conto Smart 45,86 euro
Hello Bank! Hello! Money 58,05 euro
Banca Sella Websella 61,70 euro
Banca Mediolanum Conto Mediolanum 146,36 euro*
Media = 29 euro


*12,36 euro il primo anno
L’ICC è calcolato sulla base di 228 operazioni,operatività media.

Miglior conto corrente per pensionati

Sul fronte del conto tradizionale, ancora in testa tra i più convenienti spicca
CheBanca! (con 72 euro l’anno), seguita da MPS (87 euro l’anno) e Banco Bpm (89 euro l’anno). Online il miglior conto corrente per questa categoria di risparmiatori è quello di IW Bank (1,90 euro l’anno), seguito da quello offerto da Banca Sistema (20 euro) e FinecoBank (23 euro).

Miglior conto corrente tradizionale per pensionati

Questa tipologia di conto corrente permette l’utilizzo dello sportello in filiali fisiche della banca nonché l’accesso alle relative piattaforme di home banking.

Nome bancaNome contoICC in €
Che Banca! Conto corrente Digital 72 euro
Mps Conto MPS Mio 86,60 euro
Banco Bpm Conto Welcome New 88,95 euro
Crédit Agricole Conto Easy 96,54 euro
Poste Italiane Conto Bancoposta Smart 112,15 euro
Credem Conto Credem Facile 112,56 euro
Bnl Bnp Paribas Bnl X Smart 140,50 euro
Intesa Sanpaolo Conto Xme 155,50 euro
Bper Banca Offerta on demand 173,08 euro
Unicredit My Genius 228,90 euro
Media = 127 euro

L’ICC è calcolato sulla base di 189 operazioni.

Miglior conto corrente online per pensionati

Questa tipologia di conto corrente permette l’utilizzo delle varie funzionalità esclusivamente online.

Nome bancaNome contoICC in €
IW Bank IW Conto 1,90 euro
Banca Sistema Sì! Conto 20 euro
FinecoBank Conto Fineco 23,35 euro
Webank Conto Webank 24 euro
Ing Conto corrente Arancio 24 euro
Illimity Bank Conto Smart 39,86 euro
Widiba Conto Widiba 47 euro
Hello Bank! Hello! Money 58,50 euro
Banca Sella Conto WebSella 62 euro
Banca Mediolanum Conto Mediolanum 146,36 euro*
Media = 31 euro

*12,36 euro il primo anno
L’ICC è calcolato sulla base di 189 operazioni.

Conto corrente, cosa cambia nel 2021

Il 2021 ha portato con sé diverse novità nel mondo dei conto correnti. In estrema sintesi, aumentano i documenti che definiscono le spese di ogni conto corrente e si apre la strada ad un aumento dei costi nel caso si prelevi contanti presso uno sportello Bancomat non appartenente alla propria banca.

Aumentano i documenti
Oltre al foglio informativo sul conto corrente che si sta per aprire, è opportuno vengano consegnati anche il foglio «Servizi accessori al conto corrente», il documento «Altre condizioni economiche» e il Fid (documento informativo sulle spese, olte al documento informativo di base.

Aumento dei costi di prelievo al Bancomat
L’aumento dei costi di prelievo presso uno sportello Bancomat di una banca diversa dalla propria ancora non è confermato, ma potrebbe diventare realtà nel corso del 2021 qualora l’Antitrust non si opponga. Tale novità nasce da una proposta presentata da Bancomat spa: ad oggi esistono delle commissioni interbancarie pagate dai relativi istituti di cui i risparmiatori non sono a conoscenza; la società propone di scaricare tali commissioni sui clienti, il cui importo verrebbe deciso dalla banca o da chi gestisce lo sportello Bancomat. La decisione dovrebbe arrivare entro la fine dell’anno.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories