MES o coronabond? "Tutto un teatrino, l’80% degli italiani è contro l’UE” - M. Rizzo

MES o coronabond? Secondo Marco Rizzo l’Eurogruppo è tutto un teatrino e gli italiani sono contrari all’UE. Ecco cosa ha detto a Money.it.

Eurogruppo in stallo, l’intesa non arriva. Le discussioni su MES e coronabond sono rinviate a domani e l’Italia si è pronunciata ancora contraria al primo e favorevole ai secondi, in netta contrapposizione con le idee dei governi del “versante nord”, più propensi al meccanismo di stabilità in versione attenuata.

Ma la posizione dell’Italia si può considerare netta o ci sono i presupposti per un cedimento? A questa domanda ha cercato di rispondere Marco Rizzo nella puntata odierna de L’altro punto di vista, format YouTube curato da Money.it, che interroga il politico italiano sui temi caldi dell’attualità.

È tutto un teatrino, 80% italiani contro UE

È tutto un teatrino” tuona il segretario del Partito Comunista riferendosi alle proposte dei governi dell’Eurozona per fronteggiare la grave crisi economica determinata dal coronavirus. Secondo Rizzo, i gruppi dirigenti dei Paesi del sud Europa non temono le “ricette” dell’Unione Europea, della BCE e del Fondo Monetario Internazionale.

L’unico timore, a detta sua, sarebbe quello di essere rieletti e dare l’immagine di governi ridotti al mero ruolo di “passacarte elettoralmente spazzati via”. Questo sarebbe il motivo per il quale questi ultimi si stanno tanto affannando a battagliare sulle decisioni da prendere, in procedure che egli ha definito di pura facciata.

Una farsa, dunque, che nasconderebbe il vero sentimento della popolazione:

“Se la legge prevedesse la possibilità di fare un referendum oggi, l’80% degli italiani manderebbe a quel paese l’Unione Europea”,

ha sentenziato Rizzo.

Per quest’ultimo la posizione anti-europea del popolo italiano sarebbe ben chiara anche al premier Conte e ai rappresentanti del nostro governo, ma questo non toglie che debbano essere eseguite le suddette “procedure di rito”.

MES sì o no? Ecco cosa accadrà

Non sono ottimistiche le opinioni di Rizzo relative a cosa ci riserverà il futuro dopo il MES, che dipinge come disastroso. Una volta concluse le diatribe in corso, secondo lui le cose si risolveranno con una “via di mezzo”, una sorta di compromesso come quello tipicamente usato nelle trattative sindacali, che non rappresenta una vera soluzione al problema.

“Faranno vedere il bicchiere mezzo pieno, ma in realtà non sarà né mezzo vuoto, né mezzo pieno”.

Con la crisi che si è abbattuta su un sistema che già non funzionava in partenza, c’è da aspettarsi una situazione dalla quale sarà difficile, se non impossibile, uscire e che si riverserà sui lavoratori e sulle loro famiglie.

Il rischio è che l’Italia rimanga schiacciata dai debiti derivanti da quelli che Rizzo ha definito aiuti a strozzo e che debba sopportarne le conseguenze per almeno 40-50 anni.

Tra queste, Rizzo elenca la fine dello Stato sociale, la privatizzazione della sanità, già schiacciata oggi e a rischio crollo definitivo se si verificasse un’altra pandemia, tagli drastici alle pensioni, ma la lista sarebbe molto più lunga.

“Quello che è successo in Grecia, in confronto, farà ridere, per questo, con cautela, sostengo che oggi un cambio di sistema non solo sarebbe possibile, ma auspicabile”,

conclude Rizzo.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su L’altro punto di vista

Condividi questo post:

1 commento

foto profilo

emilio-01 • 1 mese fa

L’Europa non vuole aiutare l’Italia o meglio alcuni Paesi non lo vogliono. Certo sono quelli che già da alcuni anni guardano alle nostre coste, alle nostre località balneari, ai nostri porti turistici e non ai nostri siti archeologici e quant’altro. ottima occasione questa per fare in modo che il «cappio» del debito costringa non solo all’aumento dell’IVA ed alla costrizione delle retribuzioni e dell’occupazione ma anche alla svendita del patrimonio nazionale. Mi chiedo ma dov’è il Tesoro italiano, l’oro delle riserve auree nazionali? Perché non è possibile una emissione di Titoli di Stato (con garanzia della BEI) a tasso appetibile con clausola di non negoziabilità per 3 o 5 anni e riservati a risparmiatori italiani residenti e non? Una simile azione è stata già fatta in passato (Risparmio forzoso o forzato) attribuendo a ciscuno una piccola percentuale di Titoli di Stato in funzione dello stipendio percepito o, per i lavoratori autonomi, del dichiarato. Oggi che lo Stato conosce tutto di ciscuno, la cosa è ben semplice. Un taglio (plafonamento effettivo), poi a certe retribuzioni da capogiro ... non ci starebbe male.

MES o coronabond? "Tutto un teatrino, l'80% degli italiani è contro l'UE” - M. Rizzo

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO