I mercati reagiscono bene al tapering Fed. Petrolio in calo

Violetta Silvestri

4 Novembre 2021 - 08:32

condividi

I mercati asiatici scambiano al rialzo dopo che la Federal Reserve ha annunciato la riduzione degli acquisti di debito. Sotto pressione c’è il petrolio, con la riunione OPEC prevista oggi.

I mercati reagiscono bene al tapering Fed. Petrolio in calo

Mercati oggi: le azioni globali si sono aggirate intorno a livelli record dopo che la Federal Reserve ha svelato un previsto calo degli acquisti di debito e ha affermato che non è ora di aumentare i tassi di interesse.

L’indicatore della quota mondiale di MSCI si è avviato verso un nuovo picco, con l’ascesa di Giappone e Cina. A Wall Street si sono toccati massimi storici per S&P 500, Dow Jones Industrial Average, Nasdaq 100 e Russell 2000.

La Fed ha indicato di monitorare i rischi di inflazione, che resta ancora legata ai problemi di squilibrio domanda-offerta, che probabilmente dureranno ancora l’anno prossimo.

Nel giorno della riunione OPEC+, il petrolio è sotto pressione e le quotazioni sono in ribasso.

In questo contesto, e in attesa anche della decisione BoE su un probabile rialzo dei tassi, vediamo cosa succede nei mercati oggi.

Mercati oggi: Asia in rialzo dopo Fed

Alle ore 8.20 circa, il Nikkei guadagna lo 0,93% e gli indici cinesi Shenzhen e Shanghai salgono rispettivamente di 1,3% e 0,81%. In rialzo anche Hong Kong dello 0,3%.

La mossa della Fed non ha deluso le aspettative, che avevano valutato l’inizio dell’allentamento degli acquisti di bond. Gli analisti hanno affermato che i segnali della Fed sono stati comunque accomodanti, rassicurando i mercati globali sul fatto che i tassi di interesse non sarebbero stati aumentati per un po’ di tempo.

Tuttavia, le preoccupazioni a lungo termine per le economie asiatiche rimangono a causa di una possibile sesta ondata di infezioni, nonostante i crescenti segnali di un ritorno alla normale attività economica e un flusso più libero di persone che viaggiano in alcune nazioni. I riflettori sono accesi anche sui rapporti sugli utili di una serie di società asiatiche, comprese le case automobilistiche e le aziende tecnologiche giapponesi.

Un picco di nuovi casi Covid in Cina minaccia di frenare la spesa dei consumatori in un’economia già in rallentamento.

Petrolio in primo piano

Oggi, 4 novembre, è prevista anche la riunione OPEC che dovrebbe confermare i piani già approvati di graduale aumento dell’offerta di greggio, nonostante le pressioni a intensificare l’erogazione.

Le quotazioni Brent e WTI sono in calo a causa dell’aumento delle scorte statunitensi e dei progressi verso i colloqui sul nucleare iraniano che potrebbero portare a maggiori forniture.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.