Mascherine al chiuso e nuovo vaccino: così affronteremo Omicron in autunno?

Alessandro Cipolla

20/06/2022

20/06/2022 - 17:29

condividi

Passata l’estate l’Europa tornerà a fare i conti con Omicron: la Germania sta mettendo a punto un piano che prevede mascherine obbligatorie al chiuso da ottobre a Pasqua e una nuova campagna vaccinale.

Mascherine al chiuso e nuovo vaccino: così affronteremo Omicron in autunno?

Mascherine obbligatorie al chiuso da ottobre fino a Pasqua, una nuova campagna vaccinale utilizzando dei preparati tarati ad hoc contro Omicron e un miglioramento dell’utilizzo dei farmaci anti-Covid a disposizione.

Questi sarebbero i punti principali del piano che in Germania è al vaglio del Robert Koch Institute, una sorta di equivalente tedesco del nostro Iss. A far trapelare la notizia è stato il quotidiano Welt.

In Germania infatti sono in netto aumento i nuovi casi Covid, così come in Italia dove secondo Gimbe nell’ultima settimana c’è stato un rialzo del 32%, con la sottovariante Omicron 5 che appare destinata a diventare dominante.

Pur senza troppi allarmismi, in previsione di una nuova ondata a fine estate in Germania si starebbe valutando di rendere obbligatorio l’uso della mascherina, da ottobre fino a Pasqua, nelle strutture sanitarie, nelle case di riposo, nei trasporti, nei negozi e nei ristoranti.

Senza tornare a discutere sul rendere il vaccino anti-Covid obbligatorio, a Berlino si starebbe preparando anche una nuova campagna vaccinale in attesa che le case farmaceutiche mettano a punto il tanto atteso preparato contro le varianti Omicron.

In autunno mascherine e vaccino contro Omicron?

In Europa con una guerra che potrebbe andare avanti ancora diversi mesi e un aumento dei prezzi che sta mettendo in difficoltà il ceto medio, senza contare lo spauracchio di un razionamento energetico, i governi l’ultima cosa che vorrebbero è dover affrontare una nuova emergenza Covid.

Però non basta parlare meno del Covid per far scomparire la pandemia, anche perché i numeri sono i rialzo in tutto il Vecchio Continente. La situazione al momento non è particolarmente allarmante, ma il timore per una nuova ondata in autunno è forte.

Come anticipato da Welt la Germania così si starebbe portando avanti con il lavoro per non farsi trovare impreparata a fine estate. Anche in Italia si starebbe ragionando in maniera analoga; la proroga delle mascherine nei trasporti fino al 30 settembre che è un chiaro segnale a riguardo.

Con una terza campagna vaccinale che appare inevitabile, Moderna di recente ha dichiarato che il suo vaccino contro le varianti Omicron sarà pronto in autunno, l’interrogativo maggiore in Italia riguarda il ritorno delle mascherine e del green pass.

In caso di una nuova ondata a fine estate, non sarà facile per il governo mettere in campo ulteriori misure restrittive visto che i partiti saranno ormai proiettati verso la campagna elettorale per le elezioni politiche del marzo 2023.

Se la Germania sembra aver già delineato il suo piano in caso di una nuova ondata Covid, in Italia mascherine e vaccini rischiano di diventare ancora una volta un terreno di scontro politico, con il rischio di dilapidare il prezioso tempo a disposizione per arrivare impreparati in autunno.