Lvmh acquista Tiffany per $15,8 miliardi

Pierandrea Ferrari

8 Gennaio 2021 - 10:07

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Lvmh, colosso del lusso francese, ha completato l’acquisizione dell’azienda statunitense Tiffany & Co. per 15,8 miliardi di dollari: i dettagli.

Lvmh acquista Tiffany per $15,8 miliardi

Nella giornata di ieri – giovedì 7 gennaio – la multinazionale francese Lvmh ha perfezionato l’acquisizione di Tiffany & Co., storico marchio di gioielli, per 15,8 miliardi di dollari.

L’operazione - che era stata annunciata già sul finire del 2019 - aveva rischiato di saltare più volte nel corso dell’ultimo anno, a causa del progressivo smarcamento di Lvmh: il board del colosso del lusso francese, infatti, aveva iniziato a nutrire dubbi sulla stabilità finanziaria dell’azienda statunitense durante la pandemia, aprendo così le porte ad una stagione di ricorsi e contro-ricorsi dall’esito incerto.

A novembre, poi, l’accelerazione decisiva della holding guidata dal CEO Bernard Arnault, che era riuscita a trovare un’intesa con l’azienda newyorchese sul prezzo delle azioni Tiffany dopo l’ok dell’antitrust europeo. “Mi rallegro di poter accogliere Tiffany e il suo team all’interno del gruppo” ha commentato ad operazione conclusa Arnault, mentre il board di Lvmh si prepara a rivoluzione il management del brand di gioielli: i dettagli.

Tiffany passa a Lvmh per 15,8 miliardi di dollari

Il closing dell’operazione ha messo un punto ad una lunga trattativa che, negli ultimi mesi, era stata rallentata a più riprese dalle evoluzioni sul fronte pandemico. L’intesa, raggiunta già il 25 novembre scorso, vede una valutazione di 131,5 dollari per le azioni Tiffany, in ribasso rispetto al prezzo pattuito in un primo momento (135 dollari).

Uno sconto da 400 milioni di dollari per i francesi di Lvmh, che sborseranno alla fine 15,8 miliardi per mettere le mani sullo storico marchio di gioielli. Tiffany rientrerà dunque nel ventaglio dei brand di lusso dell’universo Lvmh, tra cui spiccano Louis Vuitton, Bulgari, Dior e Dom Perignon.

Il gruppo guidato da Bernard Arnault, ora, si prepara a stravolgere i vertici dell’azienda USA: per agevolare la transizione, Alessandro Bogliolo – CEO di Tiffany – rimarrà al suo posto fino al 22 gennaio, quando verrà sostituito da Anthony Ledru, manager con alle spalle incarichi di rilievo in Louis Vuitton e nella stessa Tiffany.

Alexandre Arnault, figlio del CEO di Lvmh, lascerà la carica di Ad di Rimowa per assumere l’incarico di vicepresidente esecutivo e responsabile della comunicazione dell’azienda statunitense, mentre Michael Burke, attualmente alla guida di Louis Vuitton, sarà posto a capo del board.

La chiusura dell’operazione ha trovato ieri il consenso delle piazze finanziarie, con il titolo Lvmh che sulla Borsa di Parigi ha registrato un rialzo del 2,6%. Il CEO Arnault, che ha preferito non snocciolare numeri sul futuro di Tiffany, ha comunque posto l’accento sulla necessità di rilanciare il brand americano:

“Ci impegniamo a sostenere Tiffany […] con la stessa passione e dedizione che abbiamo applicato a ciascuna delle nostre prestigiose maison nel corso degli anni”.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories