Lavori stagionali: quali sono le professioni più richieste e come candidarsi

Simone Micocci

6 Giugno 2021 - 18:44

condividi

Stai cercando lavoro? Questo è il momento giusto viste le diverse opportunità per lavoratori stagionali: ecco quali sono i profili più ricercati e a chi rivolgersi.

Lavori stagionali: quali sono le professioni più richieste e come candidarsi

Chi cerca lavoro in estate non dovrebbe avere difficoltà a trovarlo, specialmente in quelle che sono le località notoriamente turistiche: qui sono diverse, infatti, le opportunità di lavoro come stagionali.

Il lavoro stagionale, come si può facilmente capire dal nome, non garantisce una stabilità nel lungo periodo; si tratta, infatti, di opportunità di lavoro piuttosto cicliche, in quanto seguono l’andamento del turismo. In estate, ad esempio, nelle località balneari, ci sono diverse opportunità di lavoro, per diversi profili professionali, come stagionali nella ristorazione, nello sport e nell’intrattenimento.

Fortunatamente l’estate 2021 non è a rischio: a parte la riapertura delle discoteche, ancora senza una data sicura, tutte le attività dovrebbero riprendere regolarmente e questo significa che il lavoro degli stagionali non è a rischio.

Lavoro stagionale: perché sì

Nonostante non si tratti di un’opportunità di lavoro a tempo indeterminato - anche se, mai dire mai - è comunque consigliato fare almeno un’esperienza come lavoratore stagionale.

Intanto perché si tratta comunque di un’occasione per guadagnare qualche soldo in attesa di un lavoro a tempo indeterminato, senza dimenticare che una volta interrotto il rapporto di lavoro si potrà anche fare richiesta per la Naspi stagionali, così da garantirsi qualche altra mensilità da spendere durante l’inverno.

Per questo motivo, quella del lavoro stagionale è un’opportunità anche per gli studenti universitari - così come per coloro che frequentano ancora le scuole superiori - che vogliono passare un’estate lavorando per formarsi professionalmente e guadagnare qualche soldo per l’inverno.

Viste queste premesse, è bene fare chiarezza su quali sono - nei vari ambiti - le migliori opportunità di lavoro stagionale e cosa deve fare una persona interessata per candidarsi per queste offerte lavorative.

A tal proposito di seguito trovate tutte le informazioni di cui avete bisogno per passare l’estate lavorando, ma prima ricordate: anche se si parla di esperienze temporanee è sempre necessario impiegare molta determinazione, tenacia e spirito di adattamento in queste attività.

Per questo la prima cosa da fare è capire quale lavoro possa essere più idoneo alle proprie esigenze e inclinazioni, in modo da dedicargli tutta la passione e l’impegno. Effettuata la scelta, sarà importante raccogliere quante più informazioni possibile per avanzare la propria candidatura con i giusti modi e nei dovuti tempi.

Lavoro stagionale: quali sono i settori dove si assume

Il lavoro stagionale è legato alle esigenze di diversi ambiti a cui sarà possibile fare riferimento, a seconda della stagione. Nel periodo estivo, i settori che offrono il maggior numero di opportunità di solito sono:

  • turistico;
  • alberghiero;
  • ristorazione;
  • sport;
  • agricoltura;
  • grande distribuzione.

    Ma ogni persona è fatta in modo diverso e per questo sarà importante conoscere il dettaglio di ogni attività per operare al meglio la scelta e agire nei tempi consigliati.

Animatore turistico

Il più tipico tra i lavori stagionali è quello dell’animatore turistico, cioè di colui che intrattiene e organizza attività di ricreazione in hotel, villaggi e campeggi. L’animatore è il “professionista del divertimento”; spetta infatti a lui l’arduo compito di far divertire chi si trova in vacanza, attraverso momenti di svago sempre diversi e soprattutto con il suo carisma e tanta capacità di coinvolgimento.

L’animatore non lavora mai da solo, ma all’interno di un gruppo di animazione: ognuno quindi tenderà ad assumere un suo ruolo specifico ma un buon animatore deve saper fare un po’ di tutto. In ogni caso fin da subito sarà utile dividere in due grandi categorie questo ruolo così eterogeneo:

  • sport;
  • intrattenimento.

L’animatore sportivo si occuperà in particolare di impartire lezioni in alcune discipline e di organizzare squadre e tornei; mentre l’animatore intrattenitore gare canore, tornei di carte, corride e serata a tema per o vacanzieri.
Ruolo a parte è poi quello degli animatori per i miniclub, ossia di coloro che organizzano giochi per i bambini mentre i loro genitori sono in spiaggia o comunque impegnati in altro.

Rappresentanti di compagnie vacanze

Tra gli impieghi più richiesti, soprattutto in estate, c’è quello del rappresentante di compagnie nel settore vacanze. Questa figura è preposta ad accompagnare gruppi turistici nei loro spostamento: dall’aeroporto all’albergo, durante escursioni, in occasioni di eventi sociali o culturali.

Si potrebbe dunque dire che ricoprano un ruolo di tuttofare relativamente alle attività dedicate ai vacanzieri. I requisiti richiesti per ricoprire questo ruolo sono:

  • capacità di rispondere a molte domande contemporaneamente in differenti lingue;
  • rimanere calmi e gentili anche sotto pressione;
  • gestire le situazioni di stress.

    Questo tipo di lavoro offre un ambiente ottimale per l’allenamento di abilità di leader e manager; inoltre è ben retribuito e spesso offre la possibilità di ricevere laute mance per arrotondare la paga.

Hotel e Catering

Altro ambiente fruttuoso per gli impieghi stagionali è ovviamente quello legato ad alberghi e ristoranti con lavori disponibili tutto l’anno. Per le posizioni economiche più alte sono richieste esperienza e competenze ma sono disponibili anche molti lavori per i meno esperti.

Cosa importante di cui assicurarsi in questi casi è però che siano inclusi l’alloggio e la pensione intera per il vitto (o perlomeno degli strumenti che permettano di cucinare da sé). Bisognerà infatti calcolare che il proprio stipendio sia sufficiente a mantenere tutte le spese necessarie e permetta di guadagnare qualcosa.

Nel dettaglio, i profili più richiesti negli hotel, sono generalmente:

  • camerieri;
  • barman;
  • cuochi;
  • tuttofare;
  • receptionist;
  • addetti alle pulizie;
  • bagnini (per gli hotel con piscina).

Località balneari

Spostarsi in una città turistica in estate per cercare lavoro potrebbe essere una scelta di successo. Qui, infatti, vista la crescita del turismo, sono diverse le opportunità di lavoro che potrebbero fare al caso vostro.

I lidi balneari cercano sicuramente bagnini, barman e addetti all’assistenza dei clienti; nei ristoranti non dovrebbe essere complicato trovare lavoro come cameriere.

Ma anche il commesso nei negozi potrebbe essere un profilo ricercato, visto che nei mesi estivi le attività commerciali potrebbero restare aperte anche di sera e quindi hanno necessità di ampliare il proprio team di lavoro.

Raccolta dell’uva e della frutta

Per chi ama la natura e il lavoro agricolo sarà possibile impiegarsi nell’ambito della raccolta degli ortaggi e della frutta: uno dei più popolari lavori estivi in Italia ad esempio è la raccolta dell’uva. In questo ambiente è molto probabile che non si abbia a disposizione un alloggio e, per questo, gli studenti normalmente campeggiano mentre lavorano.

La paga di base è generalmente su lavoro a cottimo: più si raccoglie, più si guadagna. Ma ci sono alcuni rischi da tenere in considerazione in un’occupazione simile:

  • punture di zanzare o di altri insetti;
  • tagli da forbici;
  • eruzione cutanea sulle braccia e sulle gambe per spray chimici;
  • dolore alla schiena derivanti dallo stare piegati tutto il giorno.

    Nonostante ciò questo tipo di lavoro attrae moltissimi giovani ogni anno: è infatti considerato molto affascinante e stimolante. Le zone principali per la raccolta dell’uva sono l’Emilia Romagna, il Lazio, le Marche, il Piemonte, la Puglia, il Trentino, la Toscana ed il Veneto.

Sport

Gli istruttori sportivi nei periodi estivi, o comunque festivi, sono richiestissimi per le più disparate attività:

  • gioco del volano;
  • canoa;
  • tuffi;
  • golf;
  • equitazione;
  • alpinismo;
  • paracadutismo;
  • arrampicata in roccia;
  • navigazione;
  • sport subacquei;
  • tennis;
  • windsurfing.

La maggior parte dei lavori in questo campo è disponibile in estate, mentre l’attività invernale più richiesta è ovviamente quella legata agli impianti sciistici.

Gli istruttori di sci e le guide possono infatti contattare i tour operator, i grandi alberghi lussuosi e chi affitta sci per essere assunti per la stagione: in questo caso sarà bene iniziare a far domanda per un lavoro da maggio in poi.

La scadenza ovviamente non è da considerarsi determinante perché molti sono gli istruttori che rinunciano in corso d’opera o subito prima di prendere servizio; per questo sarà sempre bene tentare.

Quando iniziare la ricerca

Molto importante in quest’ambito è il fattore tempo: è infatti consigliabile muoversi con un certo anticipo rispetto al periodo in cui si vuole lavorare.

Per la stagione estiva in particolare sarebbe preferibile presentare la propria candidatura già nel periodo che va da gennaio ad aprile; insomma vi conviene muovervi perché siete in ritardo e buona parte delle aziende ha già completato il proprio staff. Se non ci si è mossi per tempo è possibile comunque trovare possibilità di lavoro anche all’ultimo minuto a ridosso del periodo d’interesse e per farlo sarà utile avere chiare tutte le informazioni necessarie per muoversi.

Per la stagione invernale, il periodo più indicato va da settembre a novembre. Sono questi infatti i periodi dedicati alla selezione di personale da parte dei maggiori tour operator e delle agenzie di settore.

Dove cercare lavoro stagionale

Orientarsi nella ricerca del lavoro stagionale ideale per ognuno non è così facile; spesso sarà utile affidarsi a terzi che selezioneranno il lavoro per noi. In questo senso ci si potrà rivolgere a:

  • agenzie per il lavoro;
  • associazioni di categoria;
  • centri per l’impiego.

Un altro modo utile per orientare la ricerca è la consultazione di siti istituzionali o di settore che forniscono informazioni utili. Ma non dimenticate il metodo tradizionale: recatevi di persona presso stabilimenti balneari, ristoranti e bar presenti in zone ad alto tasso turistico, consegnando il Curriculum (qui le informazioni su come si scrive senza errori) e presentandovi nel miglior modo possibile; vedrete che c’è ancora qualcuno pronto ad assumervi.

Infine sarà bene specificare che il lavoro occasionale prevede diversi tipi di contratto di solito a tempo determinato o regolarizzati con collaborazioni occasionali. Per maggiori informazioni in merito rimandiamo alla lettura del nostro articolo sul tema.

Iscriviti a Money.it