Isole italiane in vendita, quali sono e quanto costerebbe acquistarle

Alcuni isolotti, dalla Sicilia al Veneto, sono affidati ad agenzie immobiliari italiane e straniere

Isole italiane in vendita, quali sono e quanto costerebbe acquistarle

Sui siti di agenzie immobiliari italiane e straniere appaiono sempre più spesso annunci che mettono in vendita alcune delle più belle isole italiane.

Da oltre un anno, ad esempio, l’immobiliare Romolini propone ai suoi clienti stranieri e non l’isola delle Femmine, un isolotto in mezzo al mare, a poche centinaia di metri da Palermo, che vanta una superficie di 494 mq, 15 ettari di terreno e ruderi.

A lanciare l’allarme è il coordinatore nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, che ha annunciato un esposto con il quale chiederà ai ministeri dell’Ambiente e dei Beni Culturali l’immediato intervento per tutelare questi piccoli angoli di paradiso italiani.

Isole in vendita, quali sono?

Tra le isole in vendita c’è, dal 2017, l’isola delle Femmine al largo di Palermo, in Sicilia; ad oggi questo angolo di Italia non ha trovato ancora nessun acquirente. Si tratta di un’area marina protetta, Sito d’importanza comunitaria e Zona speciale di conservazione, gestita dalla Lipu.

Inizialmente la richiesta avanzata dai proprietari era di 3 milioni e 500 mila euro, poi la somma è stata abbassata a 3 milioni di euro. Questa non è l’unica isola siciliana in vendita, ci sono anche Capo Passero in provincia di Siracusa e Santa Maria in provincia di Trapani, che sarà ceduta a eventuali acquirenti per la somma di 17 milioni di euro.

Non mancano neanche gioielli dell’arcipelago toscano: per acquistare l’isola di Cerboli, situata in un parco nazionale, servirebbero 4 milioni di euro. Venduto invece l’isolotto di Santo Stefano che ospitò le prigioni di Sandro Pertini.

“Su alcuni siti di agenzie immobiliari internazionali e nazionali ci sono annunci per la vendita di prestigiose isole, gioielli ambientali. Alcune hanno una finalità esplicita come quella di realizzare trasformazioni urbanistiche, con realizzazione di resort, in altri casi i progetti che sono dietro le proposte di acquisto sono avvolti dal riserbo più assoluto”,

afferma il coordinatore nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli. Bonelli ricorda che non sono solo i privati a disfarsi di questi beni di pregio, ma anche lo Stato vende i suoi gioielli e cita l’Isola di Poveglia, suggestiva e preziosa dal punto di vista ambientale. Poveglia, che viene definita anche l’isola dei fantasmi, si trova nella laguna di Venezia.

Per salvaguardare l’isola veneta e salvarla dagli speculatori, l’associazione ’Poveglia per tutti’ ha raccolto, attraverso il crowdfunding, quasi 500 mila euro chiedendo in concessione l’area. L’obiettivo dell’associazione era quello di riqualificarla in modo ecocompatibile e creare orti urbani per scongiurarne la vendita. Ad oggi l’agenzia del Demanio non ha ancora risposto all’iniziativa.

Leggi anche: “Dismissione immobili dello Stato

C’è invece l’isola di San Secondo, situata sempre nella laguna di Venezia, che è stata già venduta dallo stato e sarà il sito di un albergo di lusso.

Il Ministero dell’Ambiente ha fatto sapere che, non appena avrà a disposizione il documento dell’esponente verde, valuterà i contenuti dell’esposto.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti

Argomenti:

Italia Sicilia Ambiente

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.