ISA 2019: le novità dell’Agenzia delle Entrate nel provvedimento di rettifica

ISA 2019: l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato un provvedimento di rettifica delle specifiche tecniche dello strumento che ha sostituito gli studi di settore. Ecco tutte le novità.

ISA 2019: le novità dell'Agenzia delle Entrate nel provvedimento di rettifica

ISA 2019: l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato un provvedimento che rettifica parzialmente la disciplina degli Indici Sintetici di Affidabilità. Questi correttivi, di ordine tecnico, vanno a modificare quanto stabilito nel provvedimento dello scorso 10 maggio 2019.

In particolare, l’ultimo provvedimento dell’Ade aggiorna le specifiche tecniche per la trasmissione dei dati da parte degli intermediari e corregge alcuni refusi contenuti nelle comunicazioni precedenti. Tuttavia, manca ancora il software dedicato alla determinazione del punteggio, cosa che rende l’applicazione degli Indici particolarmente complessa e probabilmente porterà ad una proroga del termine di versamento delle imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi.

Facciamo il punto della situazione su tutte le novità ISA disposte dall’Agenzia delle Entrate nel provvedimento di rettifica.

ISA 2019: le novità introdotte nel provvedimento dell’Ade. E c’è già chi rimpiange gli studi di settore

L’ultimo provvedimento dell’Agenzia delle Entrate rettifica in parte le regole stabilite per gli ISA 2019.

Le novità sostanziali sono tre e riguardano le specifiche tecniche di adeguamento per l’anno di imposta 2018, stabilite nel comunicato del 10 maggio.

Scendiamo nei dettagli. Il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate apporta agli indicatori sintetici di affidabilità fiscale, comunemente noti come ISA, le modifiche seguenti:

  • aggiornamento delle specifiche tecniche per la trasmissione, da parte degli intermediari, dei dati dei contribuenti per l’acquisizione massiva degli elementi informativi necessari per l’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale;
  • aggiornamento delle specifiche tecniche relative alla fornitura, da parte dell’Agenzia delle entrate, degli elementi informativi necessari ai fini dell’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale in precedenza citati;
  • eliminazione di alcuni refusi presenti nei modelli e nelle istruzioni degli indici sintetici di affidabilità fiscale. In particolare, sono rettificati il frontespizio dei modelli AG41U e AG93U e le istruzioni dei righi F21 e G11.

Nello stesso provvedimento, l’Agenzia delle Entrate non esclude eventuali nuovi aggiornamenti delle specifiche tecniche.

Ogni rettifica sarà pubblicata sul sito Internet dell’Ade.

Per un approfondimento maggiore, si allega il pdf del provvedimento del 4 giugno 2019:

Agenzia delle Entrate, provvedimento del 4 giugno 2019
Clicca qui per consultare il pdf

ISA 2019: nessuna novità sul software per determinare il punteggio

Quello degli ISA 2019 non si prospetta un avvio senza complicazioni.

Infatti, manca ancora un software dedicato alla determinazione del punteggio della “pagella dell’imprenditore”, elemento necessario per accedere ai benefici premiali.

Data l’imminente scadenza dei termini di presentazione della Dichiarazione dei redditi 2019, l’Associazione Nazionale dei Commercialisti e dall’Associazione Dottori Commercialisti hanno richiesto che per l’anno d’imposta 2018 siano disapplicati gli ISA e mantenuti i vecchi studi di settore.

Infatti, anche se potrebbe sembrare paradossale, c’è chi rimpiange gli obsoleti studi di settore, definiti come “il male minore”.

In poche parole, sugli ISA 2019 vi è una situazione di totale incertezza, che, almeno per il momento, sembra lontana da una risoluzione nel breve termine.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Studi di Settore

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.