H&M soffre la pandemia: chiude 250 punti vendita

Il colosso d’abbigliamento svedese chiuderà 250 punti vendita nel 2021 a causa della pandemia di coronavirus, che ha accelerato gli acquisti online

H&M soffre la pandemia: chiude 250 punti vendita

H&M chiude 250 punti vendita. Il colosso d’abbigliamento svedese ha comunicato il maxi-piano di chiusure per il 2021, fortemente condizionato dalla pandemia di coronavirus e la conseguente accelerazione degli acquisti online in ogni comparto.

Il gruppo - considerato uno dei maggior marchi al mondo per quanto riguarda il cosiddetto fast fashion - ha 5.000 punti vendita su scala globale; di conseguenza l’annuncio prepara a una chiusura del 5% dei suoi negozi:

“Sempre più clienti hanno iniziato a fare acquisti online durante la pandemia, in seguito alla chiusura temporanea dei nostri punti vendita che, nel momento peggiore, ha riguardato circa l’80% del totale dei negozi”,

ha dichiarato la compagnia, in una nota a commento della notizia.

Già lo scorso aprile l’azienda aveva annunciato l’intenzione di chiudere diversi punti vendita sul territorio italiano, per un totale di circa 200 dipendenti a rischio.

H&M soffre la pandemia: chiude 250 punti vendita

L’azienda svedese ha spiegato che il terzo trimestre, che comprende le vendite da giugno ad agosto, ha mostrato un deciso recupero nel tempo viste le graduali riaperture dei negozi e la crescita “forte e redditizia” del proprio shopping online.

Ma le vendite di settembre hanno fatto registrare un 5% in meno rispetto allo stesso mese di un anno fa, solo uno dei tanti elementi che hanno portato i vertici della compagnia a prendere drastiche decisioni e farlo prima di possibili sofferenze maggiori:

“Anche se le sfide sono tutt’altro che finite, crediamo che il peggio sia passato e ci troviamo in una buona posizione per uscire dalla crisi più forti”,

ha spiegato il CEO dell’azienda svedese, Helena Helmersson.

Il coronavirus ha finito per spostare una enorme fetta di utenza verso lo shopping online, anticipando di fatto una tendenza che cominciava già a sconvolgere gli assetti di mercato negli ultimi anni.

La situazione d’altronde è simile anche per le realtà molto vicine ad H&M, a partire dal suo principale competitor, Inditex, casa madre di Zara e altri marchi di fast fashion, che prevede di chiudere fino a 1.200 negozi tra quest’anno e il prossimo.

Ma anche variando settore lo scenario non cambia: di recente importanti aziende come American Eagle Outfitter e GameStop hanno annunciato l’intenzione di chiudere centinaia di negozi a causa della pandemia.

Argomenti:

Svezia Coronavirus

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories