Green pass scaduto: cosa fare

Martino Grassi

29 Luglio 2021 - 12:39

condividi

Si avvicina la data di scadenza del green pass per molti italiani: cosa bisogna fare? Sarà necessaria una terza dose di vaccino o verrà prolungata la validità del documento? Le ipotesi.

Green pass scaduto: cosa fare

Quando scade il green pass e cosa bisogna fare in quel caso? Con l’avvicinarsi della data in cui il certificato verde sarà obbligatorio per accedere ad una serie di attività e servizi, si moltiplicano gli interrogativi sul documento, soprattutto tra quelli che vedranno scadere il proprio certificato a breve.

Negli ultimi giorni si è sollevata la questione relativa alla durata del green pass, dato che tra non molto le persone che si sono vaccinate per prime potrebbero trovarsi senza il lasciapassare voluto dall’Unione europea. Vediamo dunque cosa bisogna fare una volta raggiunta la data di scadenza.

Quando dura il green pass?

Quando dura il green pass? Il certificato verde ha una validità limitata nel tempo che varia in base alla modalità con cui si è ottenuto il documento. Vediamo dunque quali sono le scadenze caso per caso:

  • Dopo quattordici giorni dalla somministrazione della prima dose sarà possibile ottenere il certificato verde, valido solamente in alcuni stati dell’Unione europea e fino alla data prevista per la seconda dose.
  • Una volta completato il ciclo vaccinale (1 dose nel caso di Johnson & Johnson o due con Pfizer, AstraZeneca e Moderna) il green pass avrà una validità di 9 mesi (270 giorni) dalla data della seconda somministrazione.
  • Il certificato verde ottenuto dopo la guarigione dal Covid-19 sarà valido per 6 mesi. Per le persone che hanno sconfitto l’infezione sarà poi sufficiente una sola dose di vaccino entro 12 mesi dalla guarigione.
  • Il certificato verde ottenuto dopo un tampone, la soluzione studiata per chi non vuole vaccinarsi, avrà una validità di sole 48 ore dall’esecuzione del test.

Green pass scaduto: cosa fare?

Tra poche settimane inizieranno a scadere i green pass delle prime persone che hanno ricevuto il vaccino nelle fasi iniziali della campagna vaccinale, quando l’accesso all’antidoto era riservato esclusivamente alle persone anziane e agli operatori sanitari. Cosa bisognerà fare a quel punto?

Ancora dal governo non sono arrivate delle indicazioni precise, ma solo delle ipotesi e indiscrezioni. Le autorità infatti stanno valutando la possibilità di richiedere una terza dose di vaccino, tuttavia la maggior parte degli esperti ritiene che il certificato possa essere prolungato di ulteriori tre mesi, rendendolo valido per un anno dalla somministrazione della seconda dose.

Tra questi anche Matteo Bassetti, che ha proposto di estendere “la durata del Green Pass almeno a 12 mesi dopo il termine del ciclo vaccinale. Questo è quello che ci dicono i primi dati dei vaccini e anche quelli dell’immunità tramite infezione naturale”.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

# Italia

Iscriviti a Money.it