Gazprom taglia ancora le forniture all’Europa

Violetta Silvestri

01/06/2022

01/06/2022 - 14:49

condividi

Gazprom continua a tagliare le sue forniture di gas a imprese che operano in Europa, come la Shell, in risposta al mancato pagamento in rubli. La guerra energetica non trova fine. Le novità.

Gazprom taglia ancora le forniture all'Europa

Il produttore russo Gazprom ha interrotto le forniture di gas alla danese Orsted e alla Shell Energy per il suo contratto di fornitura di gas alla Germania, ha affermato mercoledì 1 giugno, citando il mancato pagamento in rubli da parte delle società.

La mossa arriva dopo che i leader dell’Unione Europea hanno dichiarato che bloccheranno la maggior parte delle importazioni di petrolio russe entro la fine del 2022.

In risposta alle sanzioni occidentali, la Russia ha già interrotto le forniture di gas a Polonia, Bulgaria, Finlandia e Paesi Bassi, dopo che gli Stati si sono rifiutati di soddisfare le richieste russe di passare al pagamento in rubli.

Gazprom blocca il gas a Shell e non solo

Gazprom ha sospeso il gas alla danese Orsted e alla Shell per il suo contratto di fornitura di gas alla Germania, dopo che entrambi si erano rifiutati di effettuare pagamenti in rubli.

Un copione già visto, in realtà. Il colosso ha infatti interrotto precedentemente le forniture al commerciante di gas olandese GasTerra, nonché a Bulgaria, Polonia e Finlandia dopo il loro rifiuto di pagare nella valuta nazionale, come richiesto da Mosca in risposta alle sanzioni occidentali sul conflitto Russia-Ucraina.

La Bundesnetzagentur, l’autorità di regolamentazione della rete tedesca, mercoledì ha affermato che Shell Europe rappresentava solo piccoli volumi di fornitura di gas che potrebbero provenire da altre parti.

Secondo la società russa, il contratto con Shell prevedeva un massimo di 1,2 miliardi di metri cubi all’anno.

“Shell non ha accettato nuovi termini di pagamento stabiliti da Gazprom, inclusa la creazione di account K. Lavoreremo per continuare a fornire i nostri clienti in Europa attraverso il nostro portafoglio diversificato di forniture di gas”, ha affermato un portavoce.

Il flusso di gas naturale verso la Danimarca attraverso la Germania è rimasto stabile mercoledì, come hanno mostrato i dati dell’operatore di sistema danese Energinet.

Non esiste un gasdotto diretto dalla Russia alla Danimarca e gli acquirenti danesi hanno la possibilità di acquistare da fonti diverse da Gazprom, ha affermato l’Agenzia danese per l’energia.

La fornitura di gas attraverso l’Ucraina, una delle principali rotte di esportazione di Gazprom verso l’Europa, è proseguita mercoledì con 41,2 milioni di metri cubi, in leggero calo rispetto ai volumi di martedì.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.