FidelityHouse ICO: pre-sale al via. Tutti i dettagli

FidelityHouse continua il suo progetto di internazionalizzazione con la pre-ICO avviata il 14 dicembre 2018. Tutto quello che c’è da sapere sull’offerta, l’acquisto dei FIH token, la società e i servizi innovativi offerti dalla piattaforma.

FidelityHouse ICO: pre-sale al via. Tutti i dettagli

Nuovo step nella roadmap finanziaria di FidelityHouse International, il progetto di Horizon Group che punta al lancio su scala globale della prima piattaforma di aggregazione di contenuti originali e di alta qualità con un modello di revenue share basato su criptovaluta e tecnologia blockchain. Dopo due round di successo, è iniziata il 14 dicembre 2018 la presale ICO che andrà avanti fino al 20 febbraio 2019 e a cui seguirà la ICO fino al 13 aprile 2019.

Durante la presale sarà possibile acquistare i FidelityHouse Token (FIH) con un bonus del 27%, ma solo 500mila, dell’ammontare totale di 1 milione di FIH, saranno disponibili in questa fase. Non verranno creati altri token e quelli invenduti saranno bruciati. Il valore iniziale è 1 FIH = 0,0004 ETH. Tra i vantaggi di acquistare i FIH Token, l’accesso gratuito ai servizi della piattaforma FidelityHouse Chain, la possibilità di partecipare all’operazione di Airdrop e di ricevere un ulteriore bonus fino al 10%.

Per tutti i dettagli e le informazioni relative alla Token Sale, e per parteciparvi, visitare il sito, dove è possibile visionare e scaricare il White Paper.

FidelityHouse: come funziona e modello di business

FidelityHouse è il primo Interest Content Network in Italia che consente agli utenti di pubblicare contenuti originali guadagnando in base alle visualizzazioni, grazie a un innovativo sistema di marketing anticonvenzionale.

La piattaforma si basa su un modello di revenue share con l’utente tramite la sua criptovaluta FidelityHouse Coin (che può essere conservata in un wallet e convertita sugli Exchange di monete virtuali) e la tecnologia Blockchain che garantisce la trasparenza del processo di valutazione, monetizzazione dei contenuti e relativa distribuzione dei ricavi.

Il funzionamento è semplice: l’utente carica il suo contenuto (articoli, foto, video) e attende l’approvazione del moderatore, il quale sfrutta il servizio antiplagio della FidelityHouse Chain basato su blockchain.

Una volta pubblicato il contenuto viene monetizzato attraverso l’advertising e il ricavato suddiviso tra autore, piattaforma e moderatore in base alle percentuali predefinite. Più i suoi contenuti verranno letti e saranno “virali”, più punti FI riceverà. I FI sono la moneta virtuale di FidelityHouse, convertibile in premi che possono essere scelti da un catalogo/marketplace ricco di buoni e carte regalo per acquisti sui principali e-commerce e siti di viaggi.

Ma non è un vantaggio solo per gli autori, che grazie a questo sistema possono monetizzare svolgendo un’attività per loro appassionante, ma anche per i visitatori e i lettori, che possono restare informati sulle notizie di loro interesse e creare un flusso personalizzato sulla base delle loro passioni.

Storia, roadmap finanziaria e ICO

Nato nel 2011 da un’idea della web agency padovana Horizon Group, in poco tempo FidelityHouse è diventato uno dei content network più trafficati in Italia. Solo nel 2017 ha chiuso con un fatturato di 2,7 milioni (+83,3% rispetto al 2016), 133 milioni di utenti e quasi 750 milioni di pagine viste, ottenendo riconoscimenti importanti da player strategici come Facebook e Google grazie ai quali ha raggiunto significativi volumi di traffico e una notevole massa critica di utenti.

Horizon Group, attiva sul mercato del digital advertising da 10 anni, è stata inserita dal Financial Times nella FT1000 Europe’s Fastest Growing Companies 2018, la classifica delle migliori aziende europee per tasso di crescita, dove è 490^ in Europa e 42^ in Italia.

La roadmap finanziaria di FidelityHouse si è sviluppata così di seguito. Il primo round privato si è chiuso con grande successo e ha visto l’ingresso di nuovi soci: Giuseppe Bronzino, Sales Director di Smartclip Italia; Sebastiano Cappa, Managing Director di Ligatus Italia e presente nel consiglio direttivo di IAB Italia e IAB Europa; Moving Up srl, società leader nel DOOH (Digital Out Of Home) fondata da Marco Valenti; Filippo Marcassoli, cripto investor esperto, operativo alla multinazionale farmaceutica Roche; Luca Del Torchio, dirigente Safilo e figlio di Gabriele Del Torchio, ex AD di Ferretti Group, Alitalia, Gruppo 24 Ore e Ducati; e Alvise Saccomani, attuale Head of Trading in BANOR SIM.

Il secondo round si è aperto lo scorso giugno con un’offerta pubblica di equity crowdfunding sul portale Mamacrowd, dove la campagna di FidelityHouse è passata alla storia della piattaforma con un Hard Cap di 650mila euro raggiunto in meno di 24 ore.

“Siamo arrivati al cuore delle persone, è questa la chiave del successo. Perché in questo mestiere non contano solo i numeri e le sessioni web. È fondamentale trasmettere emozioni e passioni” ha detto Francesco Fasanaro, Ceo e founder di Horizon Group, la cui vision del progetto è illustrata nel seguente video, disponibile anche sul canale YouTube FidelityHouse International:

Anche l’assetto societario, nel frattempo, si è evoluto con il coinvolgimento di altri investitori, per un totale di 12 soci - 9 in Italia e 3 in Svizzera - che si aggiungono agli 84 che hanno partecipato all’equity crowdfunding. Inoltre, a giugno Horizon Group ha nominato nuovo direttore commerciale Michele Carbonara (precedentemente Senior Sales Manager presso Teads.tv e Sales Director Italia presso Strossle), che è andato ad affiancare il presidente Francesco Fasanaro in tutte le attività commerciali e di PR del gruppo. New entry nella società svizzera, con una quota pari al 6%, è Alessandro Bellato, co-founder e Owner di Nethive srl, società specializzata in cybersecurity con clienti internazionali e un gestito annuo superiore ai 10 milioni di euro, massimo esperto in Cloud Architecture, Cyber Security e Blockchain Design & Business Model.

Ed eccoci arrivati al round 3, che terminerà con una ICO. Obiettivo: giungere entro il 2019 al lancio internazionale della piattaforma con il suo revenue share model basato su criptovaluta e tecnologia blockchain per offrire, a editori e autori, servizi a valore aggiunto nella protezione e attribuzione dei contenuti originali. Grazie alla FidelityHouse Chain è infatti possibile rilevare il plagio, dimostrare la paternità di un’opera e certificarne la data di esistenza. Viene quindi tutelata la creatività.

Il progetto è stato listato da molti siti di ICO Tracker, come ICOBench e ICOBirds, ma è stato accolto con grande interesse anche sui social: il gruppo Telegram di FidelityHouse è quarto nel mondo per numero di membri.

FidelityHouse: Advisors and studi legali

Il progetto ICO FidelityHouse si avvale di un prestigioso team di consulenti. A Francesco Nazari Fusetti, Alvise Saccomani, Sebastiano Cappa e Marco Valenti, si sono aggiunti nomi di spicco come quelli di Giacomo Arcaro e Giovanni Casagrande, rispettivamente founder e co-founder di Black Marketing Guru, nonché quelli di Simon Cocking, Vladimir Nikitin e Nikolay Shkilev, tra i migliori advisor ICO al mondo.

Per la parte legal, FidelityHouse International si affida allo studio legale Giove, forte di una esperienza internazionale nel campo della proprietà intellettuale, per la tutela della paternità dei contenuti degli autori. Gli studi legali Cugini e Stelva SA, che hanno sede a Lugano e vantano una grande esperienza nel campo blockchain, crypto e ICO, forniscono assistenza nelle persone dell’avvocato Gianvirgilio Cugini e della Dottoressa Arianna Bonaldo.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Pubbliredazionale

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.