L’amministratore delegato di Fiat Chrysler Mike Manley sarebbe il favorito per assumere la gestione della Ferrari, secondo quanto riportato sabato dal quotidiano "Il Messaggero”. Ferrari e Fiat per il momento hanno rifiutato di commentare queste voci. Per motivi personali, Louis Camilleri si è dimesso giovedì sera con effetto immediato dalla carica di amministratore delegato della Ferrari, che aveva ricoperto per quasi due anni e mezzo.

Mike Manley sarà il nuovo numero uno della Ferrari?

Secondo «Il Messaggero», il consiglio di amministrazione del famoso marchio automobilistico potrebbe nominare un successore la prossima settimana. Una riunione del consiglio era già prevista per martedì, ancor prima delle dimissioni di Louis Camilleri, che aveva preso la testa del gruppo dopo la morte improvvisa del suo ex leader Sergio Marchionne.

L’attuale CEO di FCA potrebbe prendere il posto di Camilleri

Louis Camilleri ha preso la decisione di dimettersi dopo aver sofferto di problemi di salute e ha dovuto essere ricoverato in ospedale dopo essere stato infettato da COVID-19, secondo una fonte dell’azienda. Tuttavia, ha indicato che il suo stato di salute non era il motivo delle sue dimissioni. Si è inoltre dimesso dalla carica di presidente esecutivo di Philip Morris.

Fiat Chrysler si fonderà entro la fine del primo trimestre del 2021 con PSA e il futuro gruppo derivante dall’operazione, Stellantis, sarà guidato da Carlos Tavares, presidente del consiglio di amministrazione del produttore francese. Ferrari e Fiat Chrysler hanno entrambe la holding della famiglia Agnelli come primo azionista, Exor.

Nei primi nove mesi dell’anno, la Ferrari ha visto i suoi ricavi diminuire del 16% a 2,39 miliardi di euro e il suo utile netto del 35% a 346 milioni di euro. La casa automobilistica di lusso ha visto il suo utile netto crescere di un piccolo 1% nel terzo trimestre a 171 milioni di euro, una cifra al di sopra delle aspettative, e ora punta al massimo delle sue previsioni per il 2020.