Eurozona: c’è un picco di ottimismo. Con i vaccini la svolta?

Violetta Silvestri

03/03/2021

12/04/2021 - 16:58

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Eurozona in primo piano con gli indici PMI composito e servizi. Cosa è stato svelato sul rilancio della regione?

Eurozona: c'è un picco di ottimismo. Con i vaccini la svolta?

Eurozona: il settore servizi in ripresa, ma sempre in contrazione dopo i dati di oggi, 3 marzo.

Tuttavia, si fanno strada le speranze per piani di vaccinazione più efficienti, spingendo al suo picco l’indice di ottimismo.

L’Eurozona verso una completa ripresa in questo 2021?

Eurozona: servizi ancora in affanno

Il quadro di riferimento dei risultati odierni dei PMI della regione euro resta incerto: i casi di coronavirus sono stati ancora piuttosto elevati nei 19 Paesi della moneta unica e i Governi hanno imposto chiusure alle attività di ospitalità e intrattenimento.

Nel dettaglio, l’indice PMI composito finale di febbraio rilevato da IHS Markit (considerato un buon indicatore della salute economica) è salito a 48,8 dal 47,8 di gennaio, al di sopra di una lettura istantanea di 48,1.

La soglia raggiunta, comunque, è rimasta decisamente al di sotto di 50, numero che separa la crescita dalla contrazione.

Tale aumento è stato in gran parte dovuto alla ripresa quasi da record nella produzione, poiché la maggior parte delle fabbriche è rimasta aperta.

Le note dolenti sono arrivate dal settore servizi. Chris Williamson, capo economista aziendale di IHS Markit, ha commentato:

“Mentre molte aziende nel settore dell’ospitalità nel settore dei servizi continuano a lottare a causa delle restrizioni relative al Covid, la produzione sta andando bene e questo riduce l’impatto economico complessivo delle misure di blocco”

L’economia della zona euro si è contratta nei primi due trimestri del 2020 e un sondaggio Reuters degli economisti del mese scorso prevedeva che lo avrebbe fatto di nuovo nel quarto trimestre e nel trimestre in corso, affermando che i rischi per le loro prospettive già deboli erano inclinati al ribasso.

La domanda è diminuita per un settimo mese, nonostante le aziende abbiano tagliato i prezzi, ma le imprese di servizi hanno aumentato l’organico - anche se marginalmente - per la prima volta dallo scorso febbraio.

Perché c’è il picco di fiducia

A dare slancio al sentiment c’è la speranza che la campagna di vaccinazione superi finalmente gli ostacoli avuti finora.

In questa aspettativa, l’indice di occupazione nei servizi è salito a 50,2 da 49,8 e quello composito della produzione futura, che misura l’ottimismo, è rimbalzato a 67,0 da 64,2.

La fiducia delle imprese ha raggiunto il massimo di 3 anni: l’Eurozona sta uscendo dal tunnel della crisi?

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories