In Europa è iniziata l’ultima battaglia sulla Brexit

In Europa è sfida aperta contro il Regno Unito sulla Brexit. Il Consiglio europeo in corso non è ancora riuscito a strappare l’accordo che tutti attendono: sarà no-deal?

In Europa è iniziata l'ultima battaglia sulla Brexit

Il Consiglio europeo in corso e iniziato ieri, 15 ottobre, non ha ancora sciolto il nodo Brexit.

L’unica certezza dopo una prima giornata di colloqui tra i capi di Stato e di Governo dei 27 Paesi UE è che la questione resta complessa e irrisolta. Da Bruxelles i toni si sono fatti preoccupati e indignati nei confronti di Londra.

Nella nota di ufficiale del Consiglio aggiornata a ieri pomeriggio si rileva che “con preoccupazione che i progressi sulle principali questioni di interesse per l’Unione non sono ancora sufficienti per raggiungere un accordo”.

Non solo, le nazioni europee sono state invitate a lavorare e preparasi a tutti gli scenari possibili: il no-deal si avvicina?

Brexit: giornata decisiva, accordo o rottura?

Boris Johnson deciderà oggi, 16 ottobre, se abbandonare i colloqui commerciali con l’Unione Europea dopo che i leader dei 27 si sono rifiutati di dargli il segnale chiaro che desidera per rimanere al tavolo.

Sono diversi i temi che ancora non hanno trovato una soluzione condivisa. E che continuano ad alimentare un clima di conflitto. Per esempio, l’UE vuole che il Regno Unito faccia concessioni sugli aiuti di Stato, limitando i sussidi che il Governo può distribuire alle imprese, prima di contemplare i propri diritti sull’accesso alle acque di pesca britanniche.

La dichiarazione del presidente Charles Michel nella serata di ieri sera non ha lasciato molto spazio a interpretazioni: le divergenze ci sono e l’UE non ha intenzione di mollare per un compromesso a tutti i costi. Queste le comunicazioni da Bruxelles:

“La parità di condizioni è fondamentale perché garantisce una concorrenza leale. Se il Regno Unito producesse automobili senza rispettare i nostri standard dell’UE e con il sostegno di enormi sussidi, come possiamo immaginare che avrebbero accesso ai nostri mercati senza tariffe e senza quote? Sarebbe ingiusto e rischierebbe centinaia di migliaia di posti di lavoro europei.”

Un ragionamento chiave che ha rimarcato la determinazione europea a far valere i propri diritti. I progressi sul tema non ci sono e tutti dovranno preparasi anche al no-deal, ha insistito Michel.

Il Regno Unito è parso piuttosto seccato dai toni provenienti da Bruxelles. La giornata di oggi, venerdì 16 ottobre, potrebbe segnare la svolta o la rotura definitiva dei negoziati sulla Brexit.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO

1574 voti

VOTA ORA