Draghi non sarà premier, meglio il Quirinale nel 2022

Alessandro Cipolla

19/01/2021

03/02/2021 - 09:30

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Mario Draghi spesso è stato tirato in ballo in caso di crisi di governo: l’ex numero uno della BCE non sarebbe però interessato a un posto a Palazzo Chigi, visto che nel suo radar ci sarebbe l’elezione nel 2022 del prossimo Presidente della Repubblica.

Draghi non sarà premier, meglio il Quirinale nel 2022

Renzi ha cercato Draghi proponendogli Palazzo Chigi. Ma quello, Draghi, quello vuole il Quirinale ”. Così qualche giorno fa Clemente Mastella si sarebbe confidato con Fabrizio Roncone, una delle penne più autorevoli del Corriere della Sera.

Del resto da quando si è ufficialmente aperta la crisi di governo a seguito dello strappo di Italia Viva, tra le tante ipotesi circolate non si è parlato quasi per niente di un possibile arrivo di Mario Draghi a Palazzo Chigi.

Una circostanza strana visto che, in pratica fin dai primi momenti della pandemia, da destra a sinistra in molti hanno invocato un governo di unità nazionale retto proprio dall’ex numero uno della BCE.

Si era parlato di una “maggioranza Ursula” pronta a sostenerlo in Parlamento, senza però che il banchiere abbia mai espresso una sola parola a riguardo. In molti così hanno ironizzato di una sorta di “premier a sua insaputa”.

Che sia vero o meno, il retroscena rivelato da Mastella appare comunque verosimile: difficile per Draghi imbarcarsi alla guida di un governo di larghe intese sostenuto da leader di partito che, con un occhio sempre ai sondaggi, peccano in quanto a senso di responsabilità.

Meglio così aspettare febbraio 2022, quando il Parlamento insieme ai rappresentanti regionali dovrà eleggere in seduta congiunta il prossimo Presidente della Repubblica: se fosse disposto a trasferirsi al Quirinale, Mario Draghi a quel punto diventerebbe il favorito d’obbligo per il Colle.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories