Dalle Bce timori e speranze per il futuro europeo: le ultime dichiarazioni

Violetta Silvestri

25/05/2022

25/05/2022 - 15:28

condividi

Da Lagarde a Panetta fino a De guindos, i big della Bce continuano a rilasciare dichiarazioni sull’Europa che sarà e sulle sfide da affrontare ora. Tassi di interesse, prezzi, imprese: quali novità?

Dalle Bce timori e speranze per il futuro europeo: le ultime dichiarazioni

La Bce si prepara all’incontro del 9 giugno carica di aspettative su tassi, inflazione, previsioni di crescita.

Dalla spinta di Lagarde agli acquisti comuni europei nel settore energia, alla prudenza di Panetta sul rialzo dei tassi fino all’analisi della situazione su aziende e banche, la Banca centrale europea ha lanciato nuovi messaggi.

In un momento tormentato per economie globali e mercati, le dichiarazioni da Francoforte sono sempre molto ascoltate. Quali novità dalla Bce?

Bce invia nuovi messaggi su tassi e non solo

La Banca centrale europea non dovrebbe cercare di aumentare i suoi tassi di interesse, fintanto che l’economia dell’area dell’euro mostra continui segni di fragilità, ha affermato il membro del comitato esecutivo Fabio Panetta.

“Se abbiamo una situazione in cui ci sono shock che deprimono le prospettive economiche, l’incertezza è alta e la produzione è ancora al di sotto del suo livello potenziale, cementare il percorso dell’inflazione al 2% richiederebbe un graduale ritiro degli stimoli, in modo che lo stimolo si riduca nel tempo ma non scompaia improvvisamente”, ha detto in un discorso a Francoforte.

Le osservazioni sembrano rappresentare una reazione da parte di uno dei più importanti responsabili politici accomodanti del Consiglio direttivo, dopo una serie di commenti da falco che cercano di guidare un inasprimento più aggressivo.

Mentre i funzionari della Bce hanno discusso della velocità con cui iniziare il rialzo dei tassi, ora stanno anche esaminando fino a che punto dovrebbero continuare ad aumentare.

Le opinioni di Panetta contrastano con quelle della presidente Christine Lagarde, che ha scritto all’inizio di questa settimana sulla prospettiva di un cammino verso un livello neutrale degli oneri finanziari.

In realtà, Panetta ha sottolineato: “la normalizzazione non è la stessa cosa di una posizione politica neutrale, ovvero quando la politica monetaria non è né accomodante né restrittiva per l’economia. Una posizione neutrale consente alla banca centrale di stabilizzare l’inflazione attorno al suo obiettivo quando la produzione è al potenziale e quando non ci sono shock transitori che interrompono il percorso dell’inflazione.”

Intanto, Lagarde ha ribadito l’importanza del ruolo di un’Europa davvero unita sulle sfide economiche. Nel Forum di Davos ha spronato i Paesi ad acquisti comuni di gas e fonti energetiche, mettendo in evidenza l’enorme potenziale comunitario, quando non si infrange con gli interessi particolaristici.

Società e banche: quale situazione? La nota Bce

La Banca centrale europea ha anche avvertito che alcune società nell’area dell’euro rischiano di essere sovraccaricate dalla combinazione di aumento dei prezzi delle materie prime e minore crescita economica causata dall’invasione russa dell’Ucraina.

Il sistema finanziario della regione deve anche prepararsi alla possibilità di un’altra correzione sui mercati delle attività, mentre il conflitto continua e lo stimolo monetario viene ritirato per combattere l’inflazione record, hanno affermato i funzionari nella loro revisione semestrale della stabilità finanziaria pubblicata mercoledì.

Le proiezioni per la crescita economica di quest’anno sono state declassate, mentre l’inflazione nel blocco valutario a 19 nazioni è fissata a una media di oltre il 6%, secondo la Commissione europea. La sfida è enorme per le aziende, inclusi il trasporto aereo, il settore alberghiero, il cibo e le bevande, che non si sono mai adeguatamente riprese dalle restrizioni di Covid-19, ha affermato la Bce.

I funzionari hanno anche avvertito delle vulnerabilità nel settore immobiliare dell’area dell’euro, dove i prezzi sono aumentati al ritmo più veloce degli ultimi 20 anni nell’ultimo trimestre del 2021, aiutati da tassi bassi, preferenze modificate a causa della pandemia e costi di input più elevati.

Per quanto riguarda le banche, il sistema rimarrà “resiliente”, nonostante l’interruzione dei mercati dell’energia e delle materie prime causata dall’invasione russa dell’Ucraina.

Secondo l’analisi, le banche che rappresentano più di tre quarti delle attività nel settore manterrebbero un coefficiente patrimoniale di base superiore al 9% nello “scenario gravemente avverso”, in cui l’economia della zona euro è vista ridotta per i prossimi tre anni, ha affermato la banca centrale.

Le banche che rappresentano poco più dell’8% delle attività subirebbero un calo del loro capitale al di sotto del 7%, ha aggiunto.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.