Covid Brasile, in aumento giovani morti e intubati: colpa della variante?

Mario D’Angelo

26/03/2021

27/03/2021 - 00:08

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Monta la critica al presidente Bolsonaro mentre la nuova ondata di coronavirus vede un pericoloso aumento delle morti fra i giovani.

Covid Brasile, in aumento giovani morti e intubati: colpa della variante?

Ancora un record di contagi in Brasile. Nella giornata di giovedì, il Ministero della Salute ha comunicato di aver registrato oltre 100.000 nuovi casi di coronavirus in un solo giorno, sottolineando la crescita esponenziale di un’epidemia che si sta trasformando in una grande crisi politica per il presidente Jair Bolsonaro. I brasiliani, alle prese con una temibile variante, parlano ormai del “marzo più triste” delle loro vite.

Record di contagi in Brasile

Il record di casi è stato accompagnato da altre 2.777 morti causate dal Covid-19. Il giorno prima, il Brasile aveva superato la soglia delle 300.000 morti nell’ambito della pandemia. Solo gli Stati Uniti d’America sono stati più colpiti.

La maggior parte dei decessi sono di persone anziane, anche se nelle ultime settimane sono in aumento i giovani che finiscono in terapia intensiva. La CNN, citando medici brasiliani, riporta che la tendenza vede sempre più giovani ammalarsi gravemente e morire.

Brasile, aumentano i morti fra i giovani

Nel corso dell’ultima ondata, ha detto all’emittente il medico Pedro Archer, la maggior parte dei pazienti del reparto di terapia intensiva sono ora persone altrimenti sane fra i 30 e i 50 anni. Negli ultimi tre mesi, secondo i dati del governo le persone morte di Covid-19 fra i 30 e i 59 anni rappresentano circa il 27% del totale, in aumento del 7% rispetto ai dati di dicembre 2020.

L’aumento dei casi, rilevano gli studi, è coinciso con il diffondersi della variante brasiliana.

Le critiche a Bolsonaro

Il presidente Bolsonaro è sempre più attaccato, anche sul fronte interno. Sono i suoi stessi alleati a chiedere di rimpiazzare il ministro degli Esteri, Ernesto Araujo, per i suoi fallimenti nell’assicurare abbastanza dosi di vaccino.

Ma il presidente brasiliano viene criticato soprattutto per la sua gestione del coronavirus, con il suo scetticismo verso lockdown, mascherine e vaccini. La lotta del Brasile contro il coronavirus è stata minata anche dalla variante isolata per la prima volta nel Paese, più contagiosa e, forse, anche più letale.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories