In Cina non c’è crescita: crollano vendite al dettaglio e produzione

Violetta Silvestri

16/05/2022

16/05/2022 - 09:37

condividi

Nuovi dati economici della Cina confermano la grave difficoltà del dragone. La seconda potenza mondiale non cresce, ostacolata dalla severa strategia zero-Covid che sta bloccando il Paese e il mondo.

In Cina non c'è crescita: crollano vendite al dettaglio e produzione

La settimana inizia con la Cina protagonista: i dati confermano la contrazione del dragone.

L’attività economica cinese si è fortemente ridotta ad aprile, poiché un’ondata di blocchi in tutto il Paese ha posto la sfida più significativa alle sue prospettive di crescita da quando è emerso il Covid-19 oltre due anni fa.

La nazione asiatica ha registrato un calo delle vendite al dettaglio e della produzione industriale, in modo peggiore di quanto gli analisti si aspettassero.

I dati incredibilmente deboli provenienti dalla Cina hanno sottolineato i gravi danni che i lockdown stanno arrecando alla seconda economia più grande del mondo.

La Cina trema e sorprende: la contrazione si aggrava

La produzione industriale cinese e le vendite al dettaglio si sono entrambe contratte più del previsto ad aprile, come hanno mostrato i dati lunedì, e la banca centrale ha lasciato invariato il tasso di interesse sui prestiti ufficiali a un anno.

Ciò ha compensato l’ottimismo stimolato dalla decisione di Pechino domenica di tagliare i tassi ipotecari per chi acquista per la prima volta una casa.

Nello specifico, le vendite al dettaglio sono diminuite dell′11,1% ad aprile rispetto a un anno fa, più del calo del 6,1% previsto in un sondaggio Reuters.

La produzione industriale è calata del 2,9% ad aprile rispetto a un anno fa, in contrasto con le aspettative di un leggero aumento dello 0,4%. La produzione delle attività minerarie e dei servizi pubblici è cresciuta.

A scendere è stato anche il manifatturiero, in ribasso del 4,6%, per lo più trascinato dal crollo del settore automobilistico e della produzione di attrezzature, ha affermato il portavoce dell’Ufficio di statistica Fu Linghui. Oltre al Covid, sottolineando che la produzione industriale deve far fronte alla pressione dell’insufficiente domanda di mercato, dell’aumento dei costi e di altri fattori.

Il tasso di disoccupazione nelle 31 città più grandi della Cina è salito a un nuovo massimo del 6,7% ad aprile.
«Sebbene il numero dei casi di Covid sia notevolmente diminuito rispetto al picco di metà aprile, lo scioglimento dei blocchi è stato estremamente lento, in parte a causa della cautela tra i funzionari del governo locale», ha dichiarato in una nota Ting Lu, capo economista cinese di Nomura. «Pertanto, riteniamo che i lockdown locali avranno ancora un forte impatto sulla produzione dell’economia a maggio e consideriamo una rapida inversione di tendenza quasi impossibile».

I dati sono il segno più eclatante della crescente sofferenza economica dovuta all’approccio della Cina al coronavirus, che ha cercato di annullare attraverso blocchi cittadini, test di massa e centri di quarantena. L’eliminazione delle infezioni è una priorità per il presidente Xi Jinping in vista della sua candidatura per il terzo mandato quest’anno.

L’economia cinese era già stata messa sotto pressione da una crisi di liquidità nei suoi sviluppatori immobiliari altamente indebitati e da un più ampio rallentamento delle proprietà a causa del crollo delle vendite di case.

Le difficoltà cinesi scuotono il mercato globale, soprattutto per quanto riguarda le catene di approvvigionamento (attività e porti chiusi bloccano le merci destinate al mondo) e, di conseguenza, l’inflazione.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.