Cassa integrazione, pagamenti INPS: tutti i dati aggiornati

Teresa Maddonni

15 Febbraio 2021 - 17:09

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Cassa integrazione, pagamenti INPS: vediamo quali sono tutti i dati aggiornati all’8 febbraio 2021 resi noti dall’Istituto che informa della copertura del 99,1 % del totale delle domande presentate.

Cassa integrazione, pagamenti INPS: tutti i dati aggiornati

Cassa integrazione: pagamenti INPS a che punto sono? Vediamo i dati aggiornati all’8 febbraio 2021 resi noti dall’Istituto con un comunicato stampa, a due settimane dalle polemiche su numeri e conti in rosso dell’INPS, cui INPS aveva già risposto con i dati del 25 gennaio.

INPS ha anche annunciato in un precedente comunicato che sono state autorizzate nel 2020 4 miliardi di ore di cassa integrazione Covid.

INPS afferma che i pagamenti della cassa integrazione coprono il 99,11 % delle richieste giunte all’Istituto, mentre le autorizzazioni alle aziende all’8 febbraio sono al 98%.

INPS riporta l’ordinaria tabella cui ci ha abituati nei precedenti aggiornamenti e i grafici esplicativi che a partire dal mese di maggio 2020 tengono conto dei pagamenti di cassa integrazione effettuati.

La cassa integrazione, lo ricordiamo, è stata prorogata per il 2021 per ulteriori 12 settimane gratuite dalla Legge di Bilancio.

Ora l’attesa è per le nuove settimane del decreto Ristori 5 ancora in fase di elaborazione e che non sappiamo quale piega prenderà con il nuovo esecutivo.

In questi mesi si sono registrati non pochi ritardi con i pagamenti INPS della cassa integrazione e si starebbe pensando a nuovi servizi per velocizzare la cassa integrazione.

Vediamo ora, secondo i dati all’8 febbraio 2021 integrati con i grafici, a che punto sono i pagamenti INPS della cassa integrazione ordinaria, assegno ordinario e in deroga e quanti sono i beneficiari a cui la prestazione è stata liquidata.

Cassa integrazione: pagamenti INPS all’8 febbraio

I dati sui pagamenti della cassa integrazione da parte di INPS aggiornati all’8 febbraio li rende noti l’Istituto in un comunicato stampa di venerdì scorso.

Alla data dell’8 febbraio i pagamenti INPS della cassa integrazione coprono il 99,11 % delle richieste pervenute.

INPS comunica che da inizio emergenza ha garantito pagamenti diretti di cassa integrazione a oltre 3,6 milioni di lavoratori e pagamenti a conguaglio su anticipo delle aziende per 3,4 milioni di lavoratori, per un totale di quasi 29 milioni di trattamenti di CIG mensili.

Per quanto riguarda le domande di autorizzazione di cassa integrazione da parte delle aziende 3.674.346 sono quelle presentate a seguito dei diversi provvedimenti normativi che hanno introdotto la CIG Covid e di queste:

  • 3.600.266 (98%) sono state definite;
  • 3.304.683 sono autorizzate (pari all’89,8%);
  • 295.583 respinte.

Delle restanti domande in corso di autorizzazione (2,2% delle presentate, pari a circa 74mila domande), quasi la metà sono giunte a gennaio e una parte rilevante sono relative a richieste di intervento dei Fondi di Solidarietà (37.503 domande, di cui 20.031 presentate dopo il 31 dicembre 2020).

I pagamenti diretti della cassa integrazione secondo i dati INPS raggiungono come anticipato il 99,11% del totale delle domande (SR41) pervenute all’Istituto, attraverso la gestione di 17.628.137 integrazioni salariali mensili erogate (per 3.662.888 dipendenti), su 17.785.986 richieste pervenute (per 3.673.786 lavoratori).

Lo 0,89% di pagamenti di cassa integrazione in lavorazione restate riguarda 157.849 prestazioni che erano quasi 293.185 lo scorso 25 gennaio, di cui l’86,8% è relativo a domande presentate nel 2021.

INPS comunica, sempre in merito ai dati dei pagamenti della cassa integrazione, che sono 11.000 i lavoratori che devono ricevere un primo pagamento, ma per la maggior parte riferibili a domande recenti, presentate nel 2021.

INPS in merito proprio a questi ultimi dati sui pagamenti della cassa integrazione ha aggiunto:

“Ma è necessario considerare che una parte di queste domande sono state trasmesse oltre i termini fissati dai decreti autorizzativi e non possono per ora essere definite, in attesa o della conversione in legge del decreto-legge 183/2020, cosiddetto “milleproroghe”, o del provvedimento denominato “Ristori 5”, nei quali è presente un emendamento per la proroga dei termini. Sono poi 455 i lavoratori per cui non risulta l’erogazione di una prima mensilità, riferibili a SR41 pervenuti entro settembre 2020: si tratta prevalentemente di posizioni non autorizzabili perché ad elevata criticità o perché relative a ore di CIG non autorizzate.”

Pagamenti cassa integrazione: dati INPS

Vediamo ora i pagamenti della cassa integrazione con i dati INPS per CIGO, assegno ordinario e CIG in deroga con i grafici dell’Istituto aggiornati all’8 febbraio 2021.

INPS mostra il numero delle richieste di cassa integrazione con pagamento diretto, le prestazioni pagate e da pagare da maggio 2020 a febbraio 2021. INPS mostra nel comunicato il numero delle richieste di cassa integrazione tramite modello SR41 ricevuti e non annullati.

Argomenti

# INPS

Iscriviti alla newsletter

Money Stories