Cambio euro-dollaro: come sfruttare la svalutazione del biglietto verde

Tasso di cambio euro-dollaro: analisi, scenari e spunti operativi in vista di una possibile ulteriore svalutazione del biglietto verde.

I dati intraday e in tempo reale del Grafico EUR/USD sono tratti dalle quotazioni di prodotti OTC.

Negli ultimi mesi l’andamento del dollaro americano ha subito numerose oscillazioni a causa sia di eventi geopolitici che hanno contrapposto la Cina e gli Stati Uniti che per gli effetti economici provocati dalla pandemia COVID-19.

Cosa ci possiamo aspettare dal cambio euro-dollaro? Il biglietto verde può ancora essere definito la valuta di riserva a livello globale? Quali spunti operativi si possono trarre da una sua eventuale svalutazione?

Il cambio euro-dollaro e l’impatto della crisi COVID-19

Dopo un rafforzamento nella prima parte del 2020, da fine aprile in poi il dollaro ha iniziato a perdere terreno contro l’euro.


Tasso di cambio euro dollaro, periodo storico: settembre 2017 - giugno 2020

La cause principali sono principalmente:

  • l’inasprimento delle tensioni tra Cina e Stati Uniti;
  • la forte ondata di contagi da COVID-19 sul territorio statunitense e il calo consistente del prezzo del petrolio sui mercati futures;
  • l’aumento dell’incertezze sul futuro dell’economia globale e l’innalzamento della paura nei mercati finanziari da parte degli operatori di mercato (come mostrano i valori raggiunti dall’indice VIX negli Stati Uniti e dell’indice Vstoxx in Europa).

L’inasprimento delle tensioni tra Cina e Stati Uniti per motivi commerciali riguardanti i dazi prima e per il COVID-19 poi ha contribuito in maniera rilevante ad una forte oscillazione del cambio euro-dollaro nel mercato forex, determinando:

  • una svalutazione del biglietto verde nell’ultima parte del 2019, quando il conflitto commerciale tra Cina e Stati Uniti era più intenso;
  • un recupero del dollaro sull’euro nella fase pre-COVID-19, quando il conflitto commerciale tra Cina e Stati Uniti sembrava ridurrsi di intensità;
  • uno spostamento degli investitori su asset denominati in dollari durante il mese di marzo 2020, a causa di timori sulla stabilità della zona UE dopo le dichiarazioni di Christine Lagarde sulle misure da prendere per contingentare gli effetti economici del COVID-19 in Europa.

L’elevata volatilità nei mercati finanziari causata dall’incertezza economica da COVID-19 e da tensioni geopolitiche ha creato difficoltà nel compiere previsioni future in merito all’andamento del tasso di cambio euro-dollaro.

Il tasso di cambio EUR/USD, assorbendo i nuovi fattori di rischio in merito sia alle tensioni geopolitiche globali che alla nuova situazione sanitaria, ha subìto un forte incremento di volatilità rispetto all’anno scorso.


Distribuzione della variazione giornaliera del tasso di cambio euro-dollaro storico

Questo scenario ha spinto gli investitori a orientarsi più verso valute rifugio come lo yen o commodities come l’oro.

L’impatto del differenziale dei tassi sull’EUR/USD

Da considerare poi c’è il differenziale di tassi di interesse tra obbligazioni europee e USA.

Con un differenziale di tassi di interesse tra USA e Europa molto ampio aumenta la domanda di dollari da parte degli investitori attirati dai maggiori rendimenti in termini nominali che le obbligazioni USA forniscono nei confronti di quelle emesse dai paesi del vecchio continente.

Nell’ultimo periodo, a causa delle politiche monetarie sia delle FED che della BCE dedite a fornire un sostegno consistente all’economia americana ed europea rispettivamente, il differenziale di rendimento tra obbligazioni USA e obbligazioni europee si è ridotto.


Differenziale di rendimento obbligazioni USA a 10 anni e obbligazioni tedesche a 10 anni. Periodo: settembre 2017 - giugno 2020

Come conseguenze risulta essere meno conveniente acquistare dollari per investire in obbligazioni USA.

Opportunità e spunti operativi sul cambio euro-dollaro

Nonostante la riduzione del differenziale di rendimento delle obbligazioni rimangono sempre aperte delle possibilità di guadagno facendo trading sull’euro-dollaro.

Il recente incremento del costo di finanziamento in dollari come conseguenza della svalutazione del biglietto verde nei confronti dell’euro apre infatti la possibilità di guadagni sul mercato forex utilizzando strumenti derivati con il forward e gli swaps.

Attualmente la parità coperta sui tassi di interesse o covered interest parity (CIP) non funziona più, perciò è possibile prendere delle posizioni spot sul mercato forex e guadagnare sul futuro andamento del dollaro tramite derivati.

Questa strategia può restituire profitti anche in futuro in vista di ulteriori svalutazioni del biglietto verde sull’euro associato ad un suo incremento di volatilità.


Previsione tasso di cambio euro-dollaro. Periodo: 19/06/2020 -31/12/2020


Distribuzione della variazione giornaliera del tasso di cambio euro dollaro futuro

Nonostante la forte volatilità presente e futura e le elevate incertezze economiche che non permettono di fare investimenti con una leva finanziaria eccessiva, l’utilizzo dei derivati come currency swaps, forwards e opzioni sul tasso euro-dollaro potrebbe essere un’opzione per ottenere dei profitti sul mercato forex sfruttando sia le future svalutazioni del dollaro che nuovi picchi di volatilità.

Quali le aspettative future?

La situazione economica e le tensioni geopolitiche a livello globale continuano a persistere e a influenzare i mercati finanziari di tutto il mondo.

Nonostante il clima di incertezza, l’allargamento del piano Peep da parte della BCE e l’acquisto di obbligazioni corporate da parte della FED stanno sostenendo i mercati che continuano a percepire il dollaro come valuta di riserva a livello globale.

In questo scenario un’ulteriore svalutazionedel dollaro, oltre a fornire opportunità di profitto nel mercato forex, può essere un campanello di allarme in merito alle tempistiche della ripresa economica globale.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories