Brexit, sondaggio allarma: 38% dei cittadini appoggia no-deal, il 40% vuole restare in Ue

L’ultimo sondaggio sulla Brexit ha lasciato a bocca aperta: tutte le ipotesi al vaglio e i relativi indici di gradimento dei britannici

Brexit, sondaggio allarma: 38% dei cittadini appoggia no-deal, il 40% vuole restare in Ue

Il 38% dei britannici appoggerebbe una Brexit no-deal.

A dirlo un interessante sondaggio di ComRes, che ha delineato al meglio l’attuale sentiment dei cittadini, che hanno espresso il proprio giudizio su diversi scenari, tra cui appunto quello di un divorzio senza accordo.

A tre giorni dalla data di uscita (posticipata tempo fa dal 29 marzo al 12 aprile) la Brexit continua a far discutere. In un ultimo disperato tentativo di ottenere una nuova estensione la May incontrerà oggi Angela Merkel e Emmanuel Macron. L’obiettivo primario? Evitare l’uscita del Regno Unito senza accordo e senza periodo di transizione.

LEGGI ANCHE: Brexit: cos’è il no-deal?

Sondaggio Brexit: cosa vogliono davvero i britannici

Alle persone intervistate, ComRes ha posto una semplice domanda: “fino a che punto ciascuno dei seguenti scenari sulla Brexit sarebbe un risultato accettabile per te?”. Le risposte hanno lasciato a bocca aperta:

Ad ottenere i consensi maggiori è stata l’ipotesi di cancellazione della Brexit. La revoca dell’Articolo 50 e la conseguente permanenza del Regno Unito nell’Unione europea ha portato a casa un 40%.

In seconda posizione l’idea di convocare un nuovo referendum con il quale chiedere ai britannici di scegliere (di nuovo) tra il Leave e il Remain. Uno scenario, questo, che ha toccato quota 39%.

Al 38%, invece, si è posizionata l’ipotesi più temuta dai mercati finanziari: quella di una Brexit no-deal con la quale il Regno Unito verrebbe catapultato fuori dall’Ue senza accordi o fasi di transizione. IL tutto accadrebbe nella giornata di venerdì 12 aprile.

A pari merito con lo scenario no-deal quello di un referendum nazionale nel quale i cittadini sarebbero chiamati a scegliere tra l’accordo della May e la cancellazione della Brexit.

Al 34%, invece, l’ipotesi di un rinvio lungo necessario a garantire più tempo al Governo per trovare un accordo comprensivo di unione doganale con l’Ue.

Ad ottenere meno consensi (32%) è stato invece lo scenario relativo all’approvazione dell’accordo Brexit di Theresa May (già bocciato tre volte).

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Brexit

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.