Bonus Diplomati 2017: il MIUR riduce l’importo della borsa di studio. Ecco come riceverlo

Il MIUR annuncia il Bonus 100 e Lode per i diplomati nel 2017, ma c’è una brutta sorpresa per gli studenti: l’importo del contributo è stato nuovamente ridotto.

Per i diplomati che hanno preso 100 e Lode alla Maturità 2017 è in arrivo unn importante contributo.

Infatti, il Bonus 100 e Lode - introdotto con la legge n°1 del 2007 sulla valorizzazione delle eccellenze - è stato confermato anche per il 2017, come annunciato dal MIUR nel decreto n°256 pubblicato in data 26 settembre.

Peccato che quest’anno il contributo sia stato tagliato di qualche decina di euro, visto che nel 2017 le risorse a disposizione del Ministero dell’Istruzione sono state ridotte a 2,860 milioni di euro (lo scorso anno erano pari a 2,369 milioni).

Per questo motivo l’importo del Bonus 100 e Lode non sarà di 370 euro come nel 2016, ma di appena 340 euro, assegnati ad ognuno dei 5.494 studenti che hanno ottenuto il massimo dei voti all’ultimo esame di Maturità.

Non è la prima volta che l’importo del contributo viene ridotto, tant’è che inizialmente il Bonus ammontava a 1.000 euro. La spending review però si è fatta sentire e per questo gli studenti italiani che si sono distinti per la loro bravura dovranno accontentarsi di poco più di 300 euro. Soldi che ricordiamo potranno essere spesi per l’acquisto di materiale utile per l’Università, come libri, sussidi didattici o abbonamenti a riviste scientifiche.

Lo scopo del contributo infatti è quello di valorizzare le eccellenze (per questo i diplomati con 100 e Lode saranno iscritti anche nell’Albo Nazionale delle Eccellenze) dando loro un incentivo per proseguire gli studi.

Tuttavia se si continuerà di questo passo il contributo rischia di sparire e con esso tutti i buoni propositi di valorizzare il lavoro dei migliori studenti italiani. Il Decreto del MIUR ricorda che il bonus potrà anche essere aumentato, nel caso in cui il Governo riesca a reperire nuovi fondi e finanziare ulteriormente l’iniziativa, ma vista l’attuale situazione economica del Paese è molto difficile che ciò accada.

A tal proposito la domanda che ci facciamo è la seguente: possibile che non ci siano altri ambiti in cui ridurre le risorse piuttosto che toccare uno strumento utile per premiare la meritocrazia?

Per quest’anno comunque il Bonus 100 e Lode, seppur ridotto nuovamente, è salvo. Ma come lo riceveranno gli studenti? Nel decreto ministeriale 256/2017 non ci sono informazioni a riguardo, poiché il MIUR si è limitato ad annunciare la misura del contributo.

Tuttavia analizzando quanto successo negli ultimi anni possiamo fare chiarezza sulle modalità con cui questo bonus verrà pagato ai circa 5mila studenti che quest’anno hanno preso il massimo dei voti alla Maturità.

Bonus 100 e Lode: come verrà pagato?

Il Bonus di 340 euro sarà pagato direttamente agli studenti che hanno preso la Maturità con il massimo dei voti (con tanto di Lode). Infatti, una volta che il MIUR invierà i fondi ai vari Uffici Scolastici Regionali - a seconda del numero di studenti che hanno preso 100 e Lode - quest’ultimi provvederanno a loro volta a girare le risorse alle scuole in cui questi ragazzi si sono diplomati.

Saranno i Dirigenti Scolastici delle singole scuole a procedere con la premiazione degli studenti, nel corso di cerimonie che potranno essere organizzate in accordo con gli enti locali.

Insomma, se siete tra quei 5.494 studenti che hanno preso il massimo dei voti alla Maturità 2017 dovete avere solamente qualche settimana di pazienza; il contributo arriverà senza bisogno che ne facciate richiesta, ma le tempistiche dipenderanno da quanto deciderà il preside della vostra “vecchia” scuola.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories