Bonus benzina: come funziona e chi può richiederlo

Benzina senza IVA e a prezzo inferiore grazie al bonus carburanti. Ecco come funziona e chi può richiederlo.

Bonus benzina: come funziona e chi può richiederlo

Il bonus benzina è previsto dallo Stato, ma non tutti i cittadini che ne hanno diritto a richiederlo sanno come fare e come funziona. Il riconoscimento di questo beneficio fiscale permette di detrarre le spese dell’Iva dal costo del carburante, che ingombra al 22%. Si tratta di un notevole aiuto, che farebbe pagare 1,38 euro un litro di benzina anziché 1,73 euro; con circa 19 euro di sconto sul singolo pieno.

Vediamo insieme il bonus benzina che permette di rifornire l’auto con carburante a prezzo scontato: come funziona e chi può richiederlo?

Leggi anche Nuova tassa sul gasolio in arrivo? Le novità della Legge di Bilancio 2020

Bonus benzina: chi può richiederlo?

Il bonus benzina è una detrazione del prezzo dell’Iva dal carburante, che permette adottare benefici fiscali sugli acquisti di benzina e gasolio. Come dichiarato dall’Agenzia delle Entrate, al fine di poter giovare del rimborso del 22% del costo della benzina riconducibile all’Iva, devono essere soddisfatte alcuno specifiche caratteristiche.

In primis non tutti hanno il diritto a richiedere il bonus benzina, sono infatti esclusi i consumatori privati, ossia coloro a cui non possono accedere alla detrazione dell’Iva. Il bonus si applica, quindi, solo a professionisti, titolari di partita Iva e imprese. Inoltre la normativa pone dei limiti sulla tipologia della spesa stessa, non è infatti possibile applicare la detrazione dell’Iva dai seguenti carburanti:

  • GPL;
  • carburanti per la nautica;
  • motori fissi;
  • gruppi elettrogeni;
  • apparecchiature varie.

Qualora queste caratteristiche vengano soddisfatte, vediamo l’iter per giovare del bonus benzina.

Bonus benzina per titolari di P.Iva e imprese: come averlo e come funziona?

Il bonus benzina può essere applicato solo a pagamenti tracciabili. Dal 1 gennaio 2019 fino a fine anno, infatti, il decreto prevede che il riconoscimento dei benefici fiscali possa avvenire solo sulle spese effettuate nelle seguenti modalità:

  • assegni bancari e postali, circolari e non, nonché i vaglia cambiari e postali;
  • bonifico bancario o postale;
  • addebito diretto in conto corrente;
  • carte di credito;
  • carte di debito/bancomat;
  • carte prepagate;
  • altri strumenti di pagamento elettronico disponibili, che consentano anche l’addebito in conto corrente.

I pagamenti con la compilazione della scheda carburante non sono quindi ammessi né per la detrazione dell’Iva né per la deducibilità dei costi.

Leggi anche: Partita IVA 2019: cosa si può scaricare?

Iscriviti alla newsletter Motori per ricevere le news su Carburanti

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.