Bank of England verso il taglio tassi, Carney conferma. Crolla la sterlina

Flavia Provenzani

01/07/2016

01/07/2016 - 12:50

condividi

La sterlina perde oltre l’1% dopo l’annuncio della Bank of England. Carney: presto il taglio tassi, nuove misure di stimolo.

Bank of England verso il taglio tassi, Carney conferma. Crolla la sterlina

La Bank of England è pronta al taglio dei tassi di interesse nei prossimi mesi per attutire il colpo all’economia dato dalla Brexit, come confermato nel pomeriggio di giovedì dal governatore Mark Carney.

Carney ha sfruttato il suo intervento pubblico ad una settimana dal referendum Brexit e dalla vittoria del SI all’uscita del Regno Unito dall’UE per rassicurare società e investitori: il piano di emergenza organizzato dalla BoE in caso Brexit sta «funzionando bene» e la banca centrale inglese sta prendendo in considerazione altre misure per salvaguardare la stabilità finanziaria del Paese.

La sterlina è scesa velocemente dopo le parole di Mark Caney, governatore della banca centrale del Regno Unito, per cui sarebbe in arrivo un nuovo pacchetto di stimolo per sostenere l’economia inglese sopo la vittoria del SI alla Brexit al referendum della scorsa settimana.

Carney: taglio tassi necessario dopo la Brexit

Carney ritiene che potrebbe essere necessario “uno stimolo di politica monetaria” in risposta al voto sulla Brexit.

Il deterioramento delle prospettive economiche per il Regno Unito comporterà un intervento della Bank of England durante l’estate, ha continuato il governatore.
Il tasso di riferimento della BoE - attualmente già ai livelli record allo 0.5% - è lo strumento chiave di politica monetaria sul quale la banca centrale potrebbe presto agire.

Un tasso ai tassi di interesse avrebbe un effetto a catena su tutti gli altri tassi derivati e renderebbe i long sulla sterlina meno attraenti.

Carney, durante il suo secondo discorso preparato dalla vittoria della Brexit di fronte ad molti dirigenti d’azienda, ha proseguito:

«A mio avviso, e io non sto anticipando le opinioni degli altri membri indipendenti della commissione di politica monetaria (MPC), le prospettive economiche si sono deteriorate un allentamento della politica monetaria sarà probabilmente necessario durante l’estate».

La dichiarazione del governatore della BoE, inoltre, lascia aperta la possibilità di una nuova ondata di QE nei prossimi mesi, che potrebbe implicare un aumento degli asset acquistati, spesso i titoli di Stato, spingendo l’offerta di moneta nell’economia.

La prossima riunione di politica monetaria della Bank of England è in programma a metà luglio e poi ancora nel mese di agosto.

In risposta alle domande dei giornalisti, Carney ha detto che il MPC sarà impegnato in una valutazione sulla risposta di politica monetaria più corretta nel contesto attuale.
Le previsioni della Bank of England parlano di una crescita più lenta di quanto precedentemente previsto il prossimo anno.
Fino ad oggi, la BoE prevedeva un calo dal 2,3% all’1,6% sulla base che il popolo inglese avrebbe votato per rimanere nell’Unione Europea.

«Ora sembra plausibile che l’incertezza rimarrà elevata per qualche tempo»,

ha detto.

BoE: presto il taglio dei tassi

Un qualsiasi taglio ai tassi di interesse significherebbe prestiti più convenienti per i cittadini del Regno Unito, ma un nuovo periodo di rendimenti bassi per i risparmiatori.
Carney conosce bene quali sono i rischi e gli effetti sulle imprese e sulle persone.

«Come abbiamo visto altrove, se i tassi di interesse sono troppo bassi - o negativi - il colpo alla redditività delle banche potrebbe ridurre la disponibilità del credito o addirittura aumentare il suo prezzo generale»,

ha detto.

Il governatore ha assicurato che la Banca prenderà «qualsiasi azione necessaria» per sostenere la crescita, ma ha anche detto che si tratta di una «verità scomoda» che la Banca non possa di per sé influenzare la direzione dell’economia.

«La politica monetaria non può immediatamente e pienamente compensare le implicazioni economiche di un grande shock negativo»,

ha detto.

«Il futuro potenziale di questa economia e le sue implicazioni per l’occupazione, i salari reali e la ricchezza non sono dei doni dei responsabili di politica monetaria».

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO