Bando Inail: contributi a fondo perduto fino a 130.000€ per le imprese

Fabio Pasinetti

12 Marzo 2021 - 14:23

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Contributo Inail 2020 fondo perduto del 65%, con massimo 130.000 euro, per tutte le imprese iscritte alla CCIAA

Bando Inail: contributi a fondo perduto fino a 130.000€ per le imprese

Anche per il 2021 è stato confermato il contributo a fondo perduto INAIL del 65% delle spese ammissibili fino ad un massimo di 130.000 euro. Si tratta del bando Inail ISI 2020 (l’acronimo ISI sta per Incentivi di Sostegno alle Imprese) con una dotazione di risorse finanziarie complessive di 211.226.450 €.

L’obiettivo del bando di finanza agevolata è quello di incentivare le imprese a realizzare dei progetti finalizzati a migliorare i livelli di sicurezza sul lavoro.

Le caratteristiche del bando Inail 2020

Beneficiari dell’agevolazione Inail 2020: tutte le imprese, anche individuali iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura (CCIAA). Sono tuttavia escluse le micro e piccole imprese agricole operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli, in quanto destinatari di altre misure dedicate (ISI Agricoltura 2019-2020). Sono escluse anche le imprese che hanno già ricevuto l’incentivo ISI Inail negli anni 2016, 2017, 2018.

Vi sono inoltre i requisiti di onorabilità del titolare, ovvero: assenza di condanne omicidio colposo o di lesioni personali colpose legate alla violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro o relative all’igiene del lavoro o che abbia determinato una malattia professionale, salvo riabilitazione.

Il bando prevede quattro «assi» di finanziamento:

  1. Progetti di investimento e Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
  2. Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC);
  3. Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto;
  4. Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore pesca e settore fabbricazione di mobili.

Struttura dell’agevolazione Inail ISI 2020

È previsto un contributo del 65% a fondo perduto con i seguenti massimali:

  • Importo minimo 5.000 euro e un massimo di 130.000 euro per i progetti delle asse 1,2,3;
  • Importo minimo 2.000 euro e un massimo di 50.000 euro per i progetti nel settore pesca e fabbricazione di mobili (asse 4).

Gli aiuti di Stato erogati attraverso il bando Inail ricadono nel regime de minimis.

Bando Inail 2020: interventi agevolabili

Possono essere finanziate le seguenti tipologie di intervento per ciascun asse di finanziamento:

  1. Progetti di investimento - Asse 1: ad esempio impianti con riduzione del rumore/vibrazione, sistemi fonoassorbenti, sistemi di isolamento dell’operatore, interventi per riduzione rischio sismico. Progetti per l’adozione di sistemi di gestione della salute e sicurezza certificati;
  1. Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi - Asse 2 (MMC): ad esempio acquisto di macchinari robotizzati e robot collaborativi (cobot); nastri trasportatori, sistemi di gru caricatrici, dispositivi medici e accessori ergonomici;
  1. Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto - Asse 3 (MCA): ad esempio opere di rimozione dei MCA da controsoffitti, da altri compomponenti edilizie e da impianti e mezzi di trasporto;
  1. Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore pesca e settore fabbricazione di mobili - Asse 4: ad esempio trasmettitori di localizzazione di emergenza automatici in caso di ribaltamento, giubbotti di salvataggio con trasmettitori di localizzazione, caschi con sistema di comunicazione integrato (settore pesca); macchine per lavorazione metalli/legno/pelle/tessuti/plastica, schermi acustici, sistemi antivibranti (produzione mobili).

Data la competitività del bando è importante farsi assistere in sede di presentazione della domanda da consulenti in grado sia di presentare al meglio il proprio progetto, sia di aggiudicarsi le risorse tramite click day in pochi secondi.

Spese ammissibili dal bando ISI 2020

Sono finanziabili le spese direttamente imputabili alla realizzazione del progetto e le spese accessorie o funzionali alla su realizzazione (perizie, certificazioni, spese tecniche). Tali spese non devono superare i limiti di importo specificati negli allegati del bando.

Le spese non devono essere riferite a progetti già realizzati o in corso di realizzazione alla data di chiusura dello sportello telematico. Non sono ammesse le seguenti tipologie di spesa:

  • acquisto mediante leasing;
  • acquisto di beni non nuovi;
  • altre spese specificate negli allegati.

L’agevolazione a fondo perduto prevista dal bando Inail è inoltre cumulabile con il credito di imposta beni 4.0. Ipotizziamo ad esempio un intervento di investimento di 200.000 euro:

  • Valore Progetto: 200.000€;
  • Fondo perduto Inail 65%: 130.000€;
  • Credito imposta 4.0 (50% del valore del cespite): in questo caso, avendo già ottenuto un 65% a fondo perduto, il credito d’imposta è pari al 35%, quindi 70.000€;
  • Agevolazione complessiva: 200.000€.

Procedura di accesso al bando Inail e road map

Come partecipare al bando inail 2020 e quali sono le scadenze?

  • 1 giugno 2021 - Apertura della procedura informatica
  • 15 luglio 2021 - Chiusura della procedura informatica per la compilazione della domanda
  • Dal 20 luglio 2021 - Download codici identificativi
  • Da definire - Click Day
  • 14 giorni dopo il click day - Pubblicazione elenchi cronologici provvisori
  • Da definire - Completamento della documentazione per gli ammessi al click day

Iscriviti alla newsletter

Money Stories