Banche spingono il rimbalzo delle Borse. A Piazza Affari rialzo incerto

Le banche spingono il rialzo delle borse europee ma è forte la volatilità. Piazza Affari passa in fretta dalla migliore alla peggiore.

Le borse europee rimbalzano dal crollo degli ultimi tre giorni. Alla Borsa Italiana vola il comparto bancario, tutte le banche tornano ad essere colorate di verde, per poi tornare nervose. Al momento MPS perde il -1.88%, nonostante la Consob abbia confermato il divieto di short fino al 5 ottobre.

Sollievo temporaneo per i mercati, incastrati in un aspro sell-off dall’inizio della settimana.

Alla Borsa Italiana, il Ftse Mib segna un rialzo del +0.92%, seguita dal CAC (+1.49%), dall’inglese Ftse 100 (+1.40%) e dal DAX, che al momento mostra un rialzo del +1.03% (ore 10:24).

Borse europee in rimbalzo, i mercati (forse) si fidano

Il Governo italiano continua la ricerca del sostegno dell’Europea ad un intervento urgente e diretto che possa sostenere il comparto bancario dell’Italia, da tempo malato terminale.

I mercati rimangono in attesa dei verbali della BCE in uscita alle 13:30, nei quali saranno contenute maggiori informazioni sul confronto all’interno del Consiglio direttivo durante l’ultima riunione della banca centrale a inizio giorno, prima che i risultati della Brexit sorprendessero i mercati.

Ieri sera, invece, i verbali del FOMC hanno mostrato una Fed cauta e in attesa di quelli che sarebbero potuti essere i risultati disastrosi di un SI alla Brexit. Tutti gli occhi sono puntati ai Non Farm payrolls di giugno, in pubblicazione sul Calendario Economico venerdì alle 14:30.

Un primo indizio arriverà dai nuovi posti di lavoro ADP di oggi.

Dopo aver toccato i minimi di 31 anni contro il dollaro, la sterlina recupera parte del terreno perso, mentre lo yen continua a volare anche se all’orizzonte, secondo Kuroda, è in arrivo un’altra ondata di stimolo per combattere l’apprezzamento della valuta giapponese.

Piazza Affari: banche in ripresa ma alta volatilità

A Piazza Affari brillano le banche. La Consob ha vietato lo short su MPS per i prossimi tre mesi, fino al 5 ottobre 2016, e il titolo prosegue il rialzo dopo aver chiuso la sessione di ieri in aggiunta di oltre il 6%.

Oggi il cda di Monte Paschi potrebbe trovarsi d’accordo ed annunciare un aumento di capitale fino a 3 miliardi per combattere l’enorme problema dei crediti deteriorati e l’ad Fabrizio Viola potrebbe presentare la risposta ufficiale da dare alla lettera della BCE pervenuta lunedì, il cui la banca centrale sollecitava l’istituto senese ad accelerare sullo smaltimento del npl.

Sotto pressione Banco Popolare, che secondo le previsioni di Morgan Stanley sul prossimo stress test della BCE del 29 luglio risulterebbe peggiore di MPS.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories