BTP 2020 e 2025: rendimenti in calo nelle aste del 29 ottobre

Lorenzo Monti

29 Ottobre 2015 - 12:43

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Andavano oggi in asta due BTP (2020 e 2025) ed un CCTeu: rendimenti in calo a 0,53% per il quinquennale, 1,43% per il decennale e allo 0,59% per il settennale. Collocamenti per oltre 7,5 miliardi di euro.

Il FTSE MIB recupera terreno dopo le notizie positive sulle aste dei due BTP 2020 e 2025 e del CCTeu collocati oggi.
Gli importi collocati a livello totale sono di circa 7,5 miliardi di euro. I rendimenti sono risultati in calo rispetto alla scorsa asta di settembre e lo spread BTP-Bund in calo sotto i 96 basis point.

Asta per i BTP 2020

Sono stati collocati BTP con scadenza 2020 (codice ISIN: isin IT0005142143) per un controvalore di circa 4 miliardi di euro. Il rendimento si è attestato allo 0,53%, in calo di 17 basis point rispetto all’asta di settembre. La domanda è stata 1,49 volte superiore all’offerta.

Asta per i BTP 2025

Il BTP decennale nell’asta odierna, con scadenza dicembre 2025 (isin IT0005127086) ha visto il rendimento ridursi all’1,45% rispetto all’1,82% dell’asta di settembre, con un collocamento nell’ordine dei 2,18 miliardi di euro e un tasso di copertura(ammontare di titoli richiesti rispetto ai titoli in collocamento) dell’1,66 (domanda di circa 3,6 miliardi). A settembre il bid to cover era stato inferiore e si era attestato al’1,32. Il prezzo di aggiudicazione è stato 104,92.

Asta per CCTeu

Nella giornata di oggi sono infine sono stati assegnati anche 1,492 miliardi di euro in CCTeu (indicizzato all’euribor a 6 mesi) in scadenza a dicembre 2022 (Isin IT0005137614).
Si tratta della seconda tranche in collocamento di questo titolo di debito. Il titolo obbligazionario settennale ha presentato un rendimento medio che si è attestato allo 0,59% in calo rispetto alla prima emissione di settembre dove il rendimento fu dello 0,76%. Il tasso di copertura è stato di 2.

Il buon risultato dell’asta odierna dei titoli di stato italiani è stato probabilmente influenzato dalle parole di Mario Draghidella scorsa settimana.

Argomenti

# Spread
# Italia
# BTP

Iscriviti alla newsletter

Money Stories