Il numero uno di BMW, l’amministratore delegato Oliver Zipse nelle scorse ore ha dichiarato che cercherà di rafforzare i legami con Toyota e desidera che l’attuale alleanza tra la casa automobilistica tedesca e giapponese incentrata su celle a combustibile e convertibili, vada oltre il 2025.

BMW e Toyota insieme oltre il 2025? Per Zipse è auspicabile

L’alleanza tra BMW e Toyota che attualmente include un accordo di cooperazione sulle auto a celle a combustibile e lo sviluppo congiunto di un’auto sportiva, dovrebbe continuare oltre il 2025, ha affermato Zipse.

Toyota e BMW collaborano in varie forme dal 2011. Le auto a celle a combustibile, che sono alimentate a idrogeno, potrebbero beneficiare di una spinta concertata da parte dei responsabili politici, per industrializzare la produzione di idrogeno, ha detto Zipse.

Il CEO della casa bavarese vuole ridurre il numero dei modelli presenti in gamma

Inoltre, l’amministratore delegato della casa automobilistica bavarese ha detto che la BMW sta cercando modi per risparmiare sui costi snellendo il suo portafoglio di modelli.

Come annunciato in precedenza dalla società con sede a Monaco, nel 2022 inizierà una produzione limitata di un nuovo veicolo alimentato a idrogeno: BMW e Hydrogen Next. L’auto sarà basata sul crossover X5 e utilizzerà celle a combustibile Toyota.

«Coupé, decappottabili e roadster, vedremo cosa rimarrà», ha detto Zipse, commentando una delle aree in cui BMW sta rivedendo la sua offerta di prodotti. Questo significa che non è detto che in futuro ci sarà ancora spazio per questo tipo di auto visto che ormai il mercato sta cambiando e bisognerà fare delle scelte.