Autostrade per l’Italia torna pubblica: che succede ora?

Violetta Silvestri

12 Giugno 2021 - 13:10

condividi

Autostrade per l’Italia è tornata allo Stato: il consorzio CDP e Atlantia hanno chiuso il dossier per l’acquisizione dell’88,06% di Aspi. Cosa significa e cosa succede ora alla gestione autostradale?

Autostrade per l'Italia torna pubblica: che succede ora?

C’è l’accordo e l’acquisizione dell’88,06% di Aspi da parte di CDP è fatta.

Autostrade per l’Italia, quindi, torna ad essere gestita dallo Stato dopo una lunga privatizzazione.

Cosa significa questo importante passaggio di Aspi da Atlantia alla mano pubblica?

Prossime tappe e obiettivi di CDP per Autostrade per l’Italia.

Aspi: accordo CDP-Atlantia fatto. Cosa succede ora?

Era stato già annunciata la chiusura del complesso dossier Autostrade per l’Italia e adesso, con la nota ufficiale del consorzio CDP emergono nuovi particolari del passaggio.

L’acquisizione da parte di Cassa Depositi e Prestiti, con i fondi stranieri Macquarie e Blackstone, dell’88,06% del pacchetto Aspi è stata accordata.

Nello specifico, come si legge nel documento, l’operazione sarà eseguita attraverso Holding Reti Autostradali, nuova società di diritto italiano di proprietà (diretta o indiretta) di CDP Equity (51%), Blackstone Infrastructure Partners (24,5%) e dei fondi gestiti da Macquarie Asset Management (24,5%). HRA e Atlantia hanno sottoscritto, tra l’altro, un contratto di compravendita per l’acquisizione dell’88,06% di Aspi.

La conclusione dell’acquisizione avverrà nei prossimi mesi, dopo che si saranno pronunciate le Autorità competenti e in seguito alla soddisfazione delle condizioni per il closing.

In più, il Consorzio CDP si impegna a dialogare con gli azionisti di minoranza di Aspi che detengono l’11,94% di Autostrade per l’Italia e hanno il diritto di co-vendita.

Aspi pubblica: cosa cambierà?

Con la sua gestione di circa 3.000 km di autostrada italiana e concessioni a lungo termine, Aspi risulta uno degli operatori più importante in Europa nel settore. I clienti giornalieri ammontano a circa 4 milioni e le controllate

Per questo, il passaggio a CDP, ovvero il ritorno allo Stato, è seguito con un certo interesse. Soprattutto dopo la drammatica vicenda del crollo del Ponte di Genova, il quesito è uno: come cambierà la gestione di Autostrade per l’Italia?

Il consorzio ha voluto sottolineare alcuni obiettivi strategici sui quali puntare:

  • ampliare il piano investimenti per la rete autostradale;
  • sostenere digitalizzazione e innovazione;
  • migliorare la sicurezza e la manutenzione;
  • garantire stabilità nella gestione a lungo termine

Con queste premesse Aspi si prepara a entrare nella gestione pubblica.

Argomenti

# ASPI
# CDP

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.