Assegno vedovanza: spetta ai vedovi di ex dipendenti statali?

Lorenzo Rubini

10 Marzo 2021 - 19:23

condividi
Facebook
twitter whatsapp

L’assegno di vedovanza spetta quando a richiederlo è una vedova di dipendente pubblico?

Assegno vedovanza: spetta ai vedovi di ex dipendenti statali?

In precedenti altri articoli abbiamo illustrato il funzionamento dell’assegno di vedovanza spiegando che si tratta dell’assegno al nucleo familiare concesso al pensionato solo a patto che sia titolare di pensione di reversibilità e che sia invalido al 100%. Ma l’assegno di vedovanza spetta per pensioni di dipendenti statali?

Rispondiamo alla domanda di una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno, mia mamma ottantenne è rimasta vedova da pochi mesi, mio padre era un ex infermiere con invalidità riconosciuta al 100% dopo svariate visite. Potrebbe fare richiesta per tale assegno, o non gli spetta? Vi ringrazio anticipatamente”.

Assegno di vedovanza

L’assegno al nucleo familiare, in base a quello che prevede la legge, può essere erogato anche a nuclei familiari in cui sia presente una sola persona ma solo a patto che sia titolare di pensione di reversibilità da lavoro dipendente e risulti essere totalmente inabile al lavoro.

La normativa, quindi, specifica che la pensione di reversibilità debba derivare da lavoro dipendente, che sia pubblico o privato è indifferente. Di fatto, quindi, l’assegno di vedovanza può essere richiesto anche dai vedovi di ex dipendenti statali a patto che siano in possesso dei requisiti richiesti, ovvero:

  • essere titolari di una pensione di reversibilità da lavoro dipendente, pubblico o privato
  • essere totalmente inabili a proficuo lavoro (invalidità 100%) o essere titolari di indennità di accompagnamento
  • avere redditi personali che siano inferiori a quelli stabiliti annualmente dalla legge (inferiori 31296,62 euro annui).

Da notare, quindi, che l’inabilità lavorativa non è richiesta al pensionato deceduto ma al titolare di pensione di reversibilità.
Da quello che lei scrive, invece, l’invalido al 100% era suo padre, deceduto, di cui sua madre percepisce pensione di reversibilità. Se sua madre, quindi, non è invalida al 100%, pur essendo titolare di pensione di reversibilità da lavoro dipendente, non ha diritto a richiedere l’assegno di vedovanza.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories