Assegno ordinario di invalidità: si può trasformare in pensione di vecchiaia anticipata?

L’assegno ordinario di invalidità non permette l’accesso alle pensioni anticipate ma si trasforma solo in pensione di vecchiaia. Ma può essere trasformato in pensione di vecchiaia anticipata per invalidi?

Assegno ordinario di invalidità: si può trasformare in pensione di vecchiaia anticipata?

L’assegno ordinario di invalidità può essere richiesto dai lavoratori che hanno una riduzione della capacità lavorativa superiore ad un terzo che hanno versato almeno 5 anni di contributi (almeno 3 anni nel quinquennio precedente).

Il problema principale dei titolari di assegno ordinario di invalidità è rappresentato dal non poter accedere alla pensione anticipata.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno
Gentilmente desidero avere se possibile informazioni relative alla pensione di vecchiaia.
Ho 61 anni, e un invalidità civile del 100% attualmente percepisco l’assegno ordinario di invalidità ( cat. IO ). Posso fare la domanda per trasformarlo in pensione anticipata di vecchiaia avendo 31 anni di contributi?, ormai non lavoro più dal 2014 la mia azienda ha dichiarato il fallimento. Rimanendo in attesa di una vostra cortese risposta,e cordialmente saluto”.

Assegno ordinario di invalidità e pensione

L’assegno ordinario di invalidità al compimento dei 67 anni si trasforma, automaticamente e senza bisogno di apposita richiesta dell’interessato, in pensione di vecchiaia.

I titolari di assegno ordinario di invalidità, infatti, non possono accedere alla pensione anticipata, a meno che alla scadenza triennale dell’AOI si decida di non rinnovarlo per accedere alla quiescenza anticipata.

Ma la pensione di vecchiaia anticipata per lavoratori invalidi è una pensione di vecchiaia a tutti gli effetti con requisiti agevolati per lavoratori invalidi e, quindi, il titolare dell’assegno ordinario di invalidità può accedervi tranquillamente.

Tale misura richiede, oltre ai 20 anni di contributi necessari per accedere alla pensione di vecchiaia, un’invalidità pensionabile certificata di almeno l’80% e almeno 61 anni di età per gli uomini e 56 anni di età per le donne.

Inoltre è richiesto il rispetto di una finestra di attesa di 12 mesi dal raggiungimento dei requisiti di accesso. Nel suo caso, quindi, dovrà attendere, per la decorrenza della pensione, che siano trascorsi 12 mesi dal compimento dei 61 anni.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories