Anticipo Naspi: prima domanda o prima apertura attività?

Lorenzo Rubini

1 Marzo 2021 - 09:00

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per i percettori di Naspi vi è la possibilità di richiedere, in un’unica soluzione, tutte le mensilità di Naspi residue in caso di attività autonoma imprenditoriale o professionale.

Anticipo Naspi: prima domanda o prima apertura attività?

La Naspi anticipata permette al lavoratore disoccupato di chiedere all’INPS in caso di avvio di attività autonoma o professionale, il pagamento delle mensilità di indennità residue in un’unica soluzione come sostegno all’autoimprenditorialità. Per presentare richiesta di anticipo, però, è necessario essere titolari già di un trattamento di disoccupazione e, quindi, possono richiederlo solo coloro che sono già titolari di Naspi.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci chiede:

“Buongiorno volevo un chiarimento sull’anticipo Naspi,io attualmente percepisco la naspi e vorrei aprire un ristorante in proprio,devo fare prima la domanda di anticipo naspi o devo prima aprire l’attività per farla? Grazie”

Anticipo Naspi e iter

E’ necessario prima di richiedere l’anticipo della Naspi, avere avviato l’attività. Nella domanda che si deve presentare, infatti, oltre a dover indicare il tipo di attività svolta si deve anche indicare la data di inizio dell’attività.

In alcuni casi, poi, l’INPS chiede quale documentazione aggiuntiva l’iscrizione alla Gestione Separata o all’albo professionale che attestino l’inizio dell’attività.

Una cosa importante da ricordare, in ogni caso, è che la richiesta di anticipo va presentata entro 30 giorni dall’inizio dell’attività. La domanda, in ogni caso, non può essere presentata prima dell’avvio della attività imprenditoriale che si è deciso di avviare poichè l’INPS effettua controlli ben precisi sulla veridicità di quanto affermato nelle dichiarazioni rilasciate.

Le consiglio, quindi, di aprire la sua attività e poi presentare domanda di anticipo tenendo presente che i tempi di accoglimento e liquidazione della somme potrebbero essere anche abbastanza lunghi: alcuni lettori hanno segnalato, infatti attese fino a 3 mesi per ricevere quanto dovuto, ma il tutto dipende dalla sede INPS che si occuperà della pratica.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

# Naspi

Iscriviti alla newsletter

Money Stories