Analisi Borse: i migliori e i peggiori indici europei nel primo semestre del 2018

La classifica dei migliori e dei peggiori indici di Borsa del Vecchio Continente in questi primi sei mesi dell’anno

Analisi Borse: i migliori e i peggiori indici europei nel primo semestre del 2018

Con la seduta di oggi si conclude il primo semestre del 2018, un semestre costellato da luci ed ombre, ricco di spunti che hanno agitato parecchio le Borse globali. In Europa la questione delle elezioni italiane e della successiva formazione di un nuovo Governo ha tenuto allerta gli operatori per gran parte del tempo, ma con il passare dei giorni le tensioni sembra esser rientrate.

A conti fatti, per i mercati europei i primi sei si sono conclusi meglio di quanto sperato visti i rischi che l’Eurozona e la più ampia Unione Europea corrono ancora.


Elaborazione Ufficio Studi Money.it

In questa prima metà dell’anno sui sei maggiori indici europei la situazione è caratterizzata dal segno meno, ma con variazioni non così drammatiche. Solo il CAC 40 francese registra una variazione positiva, guadagnandosi il primato europeo con un +0,72%. Al secondo posto con una performance poco sotto la parità si trova l’indice britannico che a dispetto delle tensioni sulla Brexit fa registrare solamente un -0,16%. Al terzo posto invece si trova il nostro indice FTSE MIB che dopo le tensioni provocate dalle urne fa registrare una variazione percentuale del -0,80%.


Elaborazione Ufficio Studi Money.it

Ben peggiore la situazione per gli ultimi tre listini azionari: l’indice spagnolo IBEX presenta una variazione semestrale del -3,83%. In penultima posizione troviamo l’indice tedesco Dax, le tensioni politiche interne hanno contribuito a far perdere al listino teutonico il -4,45%. All’ultimo posto con un distacco notevole, troviamo invece l’indice svizzero che fa registrare un -8,28%.

Ben diversa la situazione osservando le quotazioni a partire da un anno fa, dove tre indici fanno registrare variazioni positive mentre gli altri tre registrano una performance negativa. Il primo della classe risulta essere il nostro indice FTSE MIB, che fa registrare annuale positiva del +4,70%. Al secondo posto, con poca differenza rispetto al FTSE MIB si trova l’indice britannico FTSE 100 che negli ultimi 12 mesi ha fatto registrare una performance positiva del +4,42%. L’indice tedesco Dax veleggia in territorio leggermente negativo con una variazione del -0,59, seguito poi dall’indice svizzero che invece durante l’ultimo anno ha registrato una performance del -3,79%. Ultimo per distacco l’indice spagnolo IBEX, con una pesante variazione negativa dell’8,29%.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Borse Europee

Argomenti:

Borse Europee

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.