Alitalia, dagli USA la possibile soluzione per il rilancio: ecco cosa prevede

Dagli Stati Uniti potrebbe arrivare un piano per rilanciare Alitalia, salvandola dal declino. Ecco cosa prevede.

Alitalia, dagli USA la possibile soluzione per il rilancio: ecco cosa prevede

Dagli Stati Uniti arriva un ambizioso piano per rilanciare Alitalia. La compagnia, già fortemente in crisi, è infatti stata messa ancora più a dura prova dall’inaspettata pandemia di coronavirus che ha colpito l’intera economia e in modo particolare quella dei viaggi e del turismo, tanto da spingere i Governi di quasi tutto il globo a introdurre delle misure per risollevare l’economia.

La soluzione per la compagnia aerea potrebbe adesso arrivare da USAerospace Partners, un gruppo di società specializzate nell’aviazione, che si occupano di hangling, manutenzione, arredamento interno di veicoli e Wow Air e Low Cost a lungo raggio. USAerospace Partners sarebbe interessata all’acquisto di Alitalia, tanto che ha presentato la sua manifestazione d’interesse al bando scaduto lo scorso 18 marzo.

Il piano per rilanciare Alitalia

L’ambizioso progetto prevederebbe un ingente investimento di un miliardo e mezzo con cui andare a costituire una flotta più estesa di quella di adesso e un hub per i voli dei passeggeri oltre che ad altri due per il trasporto delle merci. Delle novità sarebbero introdotte anche per quanto riguarda i prezzi che dovrebbero diventare “giusti, ma non low cost” rivolgendosi principalmente alle famiglie e non più ai passeggeri business come in passato, dal momento che i loro spostamenti attualmente si sono ridotti in modo drastico a causa del coronavirus.

La principale novità riguarderebbe il fatto che non è previsto nessun esubero, ma anzi si prevedono degli innesti da Air Italy, prevedendo un utile dopo 30-36 mesi. L’Italia aveva già stanziato 3 miliardi per salvare e rilanciare la compagnia, ma il futuro di Alitalia non sembra essere in discesa.

Le novità su Alitalia

Il salvataggio di Alitalia sembra essere una priorità del governo, anche se il piano del suo rilancio sembra essere stato rimandato di alcune settimane. Sul futuro dell’azienda si è espresso anche Stefano Patuanelli che ha rassicurando dicendo che la società non sarà divisa, ma si rivelerà comunque necessario un buon livello di discontinuità con il passato.

Continuano comunque gli scontri su chi dovrà dirigere la newco, infatti il Movimento 5 Stelle vorrebbe al timone Joerg Eberhart di Air Dolomiti, mentre il PD sembrerebbe essere maggiormente orientato su Fabio Lazzerini di Alitalia, e i renziani su Roberta Neri, amministratore delegato dell’Enav. Infine il MISE vorrebbe riconfermare il direttore generale di Alitalia, Giancarlo Zeni, ma per il momento un accordo sembra ancora essere lontano.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories