Situazione molto difficile per Alfa Romeo in Europa. I dati ufficiali di vendita di auto che sono stati diffusi nelle scorse ore evidenziano i problemi che la casa automobilistica del Biscione continua ad avere sul mercato a causa della mancanza di novità e per la presenza di pochi modelli nella sua gamma.

Sprofonda Alfa Romeo in Europa dopo i primi 8 mesi del 2020

In un settore auto in forte calo a causa del lungo lockdown dei mesi scorsi, Alfa Romeo riesce a fare nettamente peggio del mercato nel suo insieme. Nei primi 8 mesi del 2020, la casa automobilistica del Biscione in Europa ha immatricolato un totale di 20.412 unità in Europa. Questo dato rappresenta un calo del 45 per cento rispetto ai numeri registrati nello stesso periodo dello scorso anno.

Quello di Alfa Romeo in Europa nei primi 8 mesi dell’anno è uno dei cali peggiori in assoluto dell’intero settore automobilistico. A causa di questo risultato la quota di mercato che lo storico marchio milanese detiene in questo momento nel nostro continente è pari allo 0,3 per cento. L’Italia con un totale di 9.875 unità si conferma come il primo mercato europeo per il marchio di Fiat Chrysler Automobiles.

Nel nostro paese però il calo di Alfa Romeo nei primi 8 mesi del 2020 è stato pari a -44 per cento. Ma dati molto negativi per il Biscione arrivano anche dalla Germania dove il marchio ha perso il 36,5 per cento, dalla Spagna dove invece il calo è stato pari a -45 per cento e Regno Unito -48%. Molto male anche in Francia -54 per cento e in Svizzera -44 per cento.

Per quanto riguarda il resto del 2020 purtroppo si teme che la situazione di Alfa Romeo non migliorerà. In assenza di novità e con l’imminente addio di Giulietta si prevede addirittura un possibile peggioramento. Questo in attesa del 2021 quando invece con l’arrivo a fine anno del SUV Alfa Romeo Tonale la situazione per il Biscione dovrebbe migliorare radicalmente.