Anche Alfa Romeo sembra voler puntare sui SUV per far aumentare le sue immatricolazioni. La scelta sembra saggia visto che al momento si tratta del tipo di auto che va più per la maggiore nel mercato automobilistico in questo momento storico.

Non solo SUV nel futuro di Alfa Romeo

Non a caso dopo Alfa Romeo Stelvio nel 2021 toccherà debuttare ad Alfa Romeo Tonale. Questo modello prenderà il posto di Alfa Romeo Giulietta nel segmento C del mercato. Nel 2023 assisteremo al debutto di un B-SUV che sarà il nuovo entry level nella gamma dello storico marchio milanese.

Questo veicolo sarà il primo modello elettrico al 100 per cento di Alfa Romeo e il primo ad utilizzare la piattaforma CMP di PSA tra quelli presenti nella gamma della casa automobilistica del Biscione. Questi due modelli sono stati confermati ufficialmente dai dirigenti di Fiat Chrysler Automobiles.

Un altro SUV sembra comunque essere molto probabile per i prossimi anni. Si tratta di un SUV di segmento E che nascerebbe su una versione allungata della piattaforma modulare Giorgio e sarebbe il modello ideale per ottenere una forte crescita delle immatricolazioni in mercati quali quello cinese e quello americano. Al momento il nome di questo modello è sconosciuto.

Si parla di una nuova Giulietta, di un’ammiraglia e una super car in edizione limitata

Tuttavia il futuro di Alfa Romeo non sarà fatto solo di SUV. Si parla infatti del possibile arrivo di una nuova generazione di Giulietta. La vettura potrebbe arrivare in una veste completamente diversa da quella attuale a partire dal 2024. Altro probabile modello è una futura ammiraglia che potrebbe ottenere buone vendite in Cina e USA.

Infine si dice che una super car in collaborazione con Maserati possa arricchire la gamma del Biscione come ciliegina sulla torta. Si tratterebbe di una vettura in edizione limitata che arriverebbe sia in versione coupè che spider. Il 2021 dovrebbe essere l’anno in cui tutti questi progetti saranno concretizzati.